• Fao, occorre investire nelle zone rurali per sfamare la popolazione mondiale

    Print
    Foto fame

    Per sfamare la popolazione mondiale in crescita, occorre investire nelle zone rurali, dove risiede l'80% dei poveri di tutto il mondo. Ad affermarlo è stato José Graziano Da Silva, Direttore Generale della Fao (Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura), durante il convegno "Finance for Food: Investing in agriculture for a sustainable future", che si è tenuto il 16 ottobre a Expo-Milano, in occasione della “Giornata Mondiale dell'Alimentazione”.

    Combattere la fame rappresenta “un compito difficile - ha affermato Da Silva -, ma può essere eseguito in modo efficiente attraverso la combinazione di investimenti nella protezione sociale e nelle attività produttive mirate ai più poveri”. Il DG della Fao ritiene che per rompere il cerchio della povertà rurale, bisogna investire nella ricerca e nei servizi di divulgazione agricoli, nelle infrastrutture rurali, nell'educazione e nella gestione delle risorse naturali. Occorre fare in modo che anche chi coltiva una terreno per il fabbisogno familiare sia in grado di provvedere alle proprie esigenze: “Dobbiamo aiutare gli oltre 500 milioni di piccoli agricoltori presenti in tutto il mondo, a investire nel proprio futuro”.

    La Fao stima che, entro il 2050, la produzione agricola dovrà crescere di circa il 60% per poter sfamare il pianeta. "Gli investimenti necessari a raggiungere questo obiettivo – spiega Da Silva - dovranno includere una prospettiva più ampia per rispettare l'agenda degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile entro il 2030".

    L'organizzazione ha anche pubblicato il rapporto annuale: “State of Food and Agriculture (SOFA)”. Il documento evidenzia che le iniziative di protezione sociale - come il trasferimento di denaro, le mense scolastiche e i lavori d'interesse pubblico – potrebbero aiutare le persone più vulnerabili a lasciare lo stato di fame e di povertà in cui si trovano. Potrebbero, inoltre, migliorare la salute, l'educazione e le opportunità dei più piccoli. Ma la protezione sociale da sola non basta a sconfiggere fame e povertà. Il rapporto sottolinea la necessità d'investire nel miglioramento della produttività agricola, nello sviluppo rurale e nella crescita.

    redazione 26-10-2015 Tag: faopovertàfamezone ruraliagricoltori
Articoli correlati
  • Fao, aumento della domanda ma prezzi materie prime stabili

    Domanda in aumento, crescita ancora più rapida della produttività e prezzi delle materie prime ai livelli attuali o più bassi. Nei prossimi dieci anni potrebbe essere questo lo scenario del mercato agricolo secondo le previsioni...

    13-07-2019
  • Focus su dieta mediterranea durante evento Fao su malnutrizione

    Dieta mediterranea e malnutrizione sono state al centro dell’evento: “High Level Event on the Mediterranean Diet” promosso dall'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (Fao) nell’ambito delle iniziative...

    19-06-2019
  • Produzione mondiale cereali, previsto nuovo record nel 2019

    Nel 2019 la produzione mondiale di cereali dovrebbe toccare un nuovo record, raggiungendo 2.722 milioni di tonnellate, 71 milioni di tonnellate in più rispetto al 2018. È quanto emerge dal rapporto “Fao Cereal supply and demand brief”...

    01-06-2019
  • Fao e Wfp: nel 2018 insicurezza alimentare acuta in 53 paesi

    Nel 2018 circa 113 milioni di persone in 53 paesi hanno sperimentato gravi livelli di “insicurezza alimentare acuta”: l'impossibilità di consumare cibo a sufficienza, che mette le persone e i loro mezzi di sostentamento in immediato pericolo....

    09-04-2019
  • Commodities alimentari, a marzo prezzi stabili

    A marzo i prezzi delle materie prime alimentari sono rimasti sostanzialmente stabili. L’aumento delle quotazioni dei prodotti lattiero-caseari e della carne è stato, infatti, compensato dal calo dei listini dei cereali, dell'olio vegetale e dello...

    07-04-2019