• Nasce piattaforma tecnica contro gli sprechi alimentari

    Print
    Frutta e verdura alimentazione mercato supermercato %c2%a9 pure life pictures   fotolia.com

    Rafforzare la cooperazione internazionale per migliorare la quantificazione e la lotta agli sprechi alimentari. È questo l'obiettivo della nuova “Piattaforma tecnica sulla misurazione e la riduzione della perdita e dello spreco di cibo”, promossa dalla Fao (Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura), dall'Ifpri (Istituto internazionale di ricerca sulle politiche alimentari) e dal Cgiar research program on Policies, institutions, and markets (Pim), su richiesta dei Ministri dell'Agricoltura dei paesi membri del G20.

    La Piattaforma rappresenta un sistema di condivisione delle informazioni e di coordinamento. Coinvolge organizzazioni internazionali, banche multilaterali di sviluppo, enti non governativi ed esponenti del settore privato. D'ora in poi i diversi partner lavoreranno insieme per migliorare la quantificazione della perdita e dello spreco di cibo, lo scambio di conoscenze e la condivisione delle migliori pratiche del settore.

    In particolare, la Piattaforma punta a sviluppare la capacità di ridurre gli sprechi alimentari non solo nei paesi del G20, ma anche in quelli a basso reddito. Inoltre, intende appurare le cause, l'entità e i costi della perdita di cibo. Infine, si prefigge di fornire consulenza e assistenza tecnica a chi si adopera attivamente per contrastare il problema.

    “La Piattaforma G20 migliorerà la nostra capacità di calcolare con precisione la perdita e lo spreco di cibo, nei paesi del G20 e in quelli a basso reddito – afferma José Graziano da Silva, Direttore Generale Fao -. Arrecherà nuove competenze e conoscenze per perfezionare i metodi di misurazione. Cercherà di soddisfare le richieste dei paesi di conoscenze e di buone pratiche”.

    “Dobbiamo coordinare gli sforzi globali per ridurre la perdita e lo spreco di cibo e per incrementare la nostra capacità di eliminare in modo sostenibile la fame e la malnutrizione - dichiara Shenggen Fan, Direttore Generale Ifpri -. Questa nuova piattaforma rappresenta un passo fondamentale in questa direzione”.

    Foto: © pure-life-pictures - Fotolia

    n.c. 14-12-2015 Tag: sprechi alimentarifaoIfprifamemalnutrizionecibo
Articoli correlati
  • Fao, aumento della domanda ma prezzi materie prime stabili

    Domanda in aumento, crescita ancora più rapida della produttività e prezzi delle materie prime ai livelli attuali o più bassi. Nei prossimi dieci anni potrebbe essere questo lo scenario del mercato agricolo secondo le previsioni...

    13-07-2019
  • Focus su dieta mediterranea durante evento Fao su malnutrizione

    Dieta mediterranea e malnutrizione sono state al centro dell’evento: “High Level Event on the Mediterranean Diet” promosso dall'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (Fao) nell’ambito delle iniziative...

    19-06-2019
  • Produzione mondiale cereali, previsto nuovo record nel 2019

    Nel 2019 la produzione mondiale di cereali dovrebbe toccare un nuovo record, raggiungendo 2.722 milioni di tonnellate, 71 milioni di tonnellate in più rispetto al 2018. È quanto emerge dal rapporto “Fao Cereal supply and demand brief”...

    01-06-2019
  • UE, in vigore nuova metodologia per classificare gli scarti alimentari

    Il 6 maggio 2019 la Commissione Europea ha adottato una metodologia comune per classificare gli scarti alimentari prodotti nell'Unione Europea. L’iniziativa ha lo scopo di aiutare gli Stati membri a quantificare gli scarti alimentari in ogni fase della...

    31-05-2019
  • Fao e Wfp: nel 2018 insicurezza alimentare acuta in 53 paesi

    Nel 2018 circa 113 milioni di persone in 53 paesi hanno sperimentato gravi livelli di “insicurezza alimentare acuta”: l'impossibilità di consumare cibo a sufficienza, che mette le persone e i loro mezzi di sostentamento in immediato pericolo....

    09-04-2019