• Cambiamento climatico, necessario puntare sull’agricoltura sostenibile

    Print

    Fao: le modifiche del clima mettono a rischio la sicurezza alimentare

    Agricoltura

    L’agricoltura e la sicurezza alimentare devono essere al centro degli interventi diretti a fronteggiare il cambiamento climatico. Lo ha affermato José Graziano da Silva, Direttore Generale dell'Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao), durante la Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (Cop22), che si è svolta dal 7 al 18 novembre a Marrakech (Marocco).

    L’esperto ha evidenziato che il cambiamento climatico ha un forte impatto su tutto il settore rurale: influenza le colture, il benesse del bestiame, la silvicoltura, la pesca, il suolo e le risorse idriche. Inoltre, ostacola gli sforzi messi in atto in tutto il mondo per garantire la sicurezza alimentare e la lotta alla fame. Per contrastarne gli effetti, a suo avviso, occorre puntare sull’agricoltura sostenibile: “È il momento d’investire in un'agricoltura sostenibile e resistente ai cambiamenti climatici come parte fondamentale della soluzione – spiega Graziano da Silva -. Siamo in grado di trasformare l'agricoltura per renderla più produttiva e resistente. Questa trasformazione può affrontare la minaccia tripla di fame, povertà e cambiamento climatico”.

    Il Direttore Generale della Fao ammette che l'agricoltura contribuisce all’emissione di quasi il 20% dei gas serra. Tuttavia, osserva che rappresenta anche una parte fondamentale della soluzione: è, infatti, necessaria per combattere l'impatto del cambiamento climatico, soprattutto nei paesi in via di sviluppo, dove l'agricoltura è spesso il settore portante dell'economia. L’esperto evidenzia che l'agricoltura sostenibile è, infatti, in grado di migliorare la gestione delle risorse naturali, di conservare la biodiversità e i servizi eco-sistemici e, infine, di aumentare il sequestro del carbonio, alleviando le pressioni che spingono alla deforestazione. Ma sottolinea che per attuare queste azioni, è necessario aumentare i flussi internazionali di finanziamenti per il clima e sbloccare ulteriori investimenti per l'adattamento nel settore agricolo.

    red. 24-11-2016 Tag: agricolturafaosicurezza alimentarecambiamenti climaticifame
Articoli correlati
  • Agroalimentare, in leggera crescita nel primo trimestre

    Buon avvio per il settore agroalimentare nel 2019. Come riporta Ismea, nel primo trimestre il comparto agricolo è caratterizzato dal segno positivo, sebbene il suo contributo sia modesto alla crescita del Pil nazionale, e anche la produzione industriale...

    14-07-2019
  • Fao, aumento della domanda ma prezzi materie prime stabili

    Domanda in aumento, crescita ancora più rapida della produttività e prezzi delle materie prime ai livelli attuali o più bassi. Nei prossimi dieci anni potrebbe essere questo lo scenario del mercato agricolo secondo le previsioni...

    13-07-2019
  • Fefac- Afia, accordo per rafforzare sicurezza e sostenibilità della produzione di mangimi

    Fefac (European Feed Manufacturers' Federation) e Afia (American Feed Industry Association), le federazioni dei produttori europei e statunitensi di mangimi composti, hanno siglato un accordo volto a rafforzare la loro collaborazione in materia di comunicazione,...

    30-06-2019
  • Fosfati negli alimenti, il nuovo parere dell'Efsa

    L’apporto complessivo di fosfati provenienti dagli alimenti potrebbe superare il livello di sicurezza fissato dall’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa). Lo rivela il parere scientifico: “Re-evaluation of phosphoric...

    28-06-2019
  • Focus su dieta mediterranea durante evento Fao su malnutrizione

    Dieta mediterranea e malnutrizione sono state al centro dell’evento: “High Level Event on the Mediterranean Diet” promosso dall'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (Fao) nell’ambito delle iniziative...

    19-06-2019