• Fao: acque reflue, un'opportunità per il settore agricolo

    Print

    L'uso delle acque reflue depurate in agricoltura potrebbe avere ripercussioni positive su ambiente e sicurezza alimentare

    Acqua agricoltura

    L'impiego delle acque reflue, correttamente depurate, potrebbe rappresentare una grande opportunità per l'agricoltura e per la sicurezza alimentare. Lo ha affermato l’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao) in occasione delle celebrazioni previste per la “Giornata mondiale dell'acqua”, che si sono svolte il 22 marzo a Roma presso la sede della Fao.

    “In agricoltura, dobbiamo utilizzare l'acqua in un modo più efficiente, produttivo, equo e più rispettoso dell'ambiente, senza compromettere la qualità - ha affermato Maria Helena Semedo, Vice Direttore Generale della Fao -. Dovremmo massimizzare il potenziale che le acque reflue rappresentano come risorsa valida e sostenibile”.

    L'Organizzazione evidenzia che in tutto il mondo la maggior parte delle acque reflue viene rilasciata nell'ambiente senza essere trattata. Di conseguenza, finisce per inquinare corsi d'acqua e oceani. Depurare e riutilizzare le acque reflue potrebbe, quindi, proteggere l'ambiente e rappresentare una soluzione conveniente e sostenibile al problema della scarsità idrica. In particolare, potrebbe rappresentare una risorsa preziosa per il settore agricolo, che da solo impiega circa il 70% dell'utilizzo complessivo di acqua dolce.

    La Fao ritiene che innaffiare i campi con le acque reflue, trattate fino a diventare innocue e sicure, potrebbe aiutare a contrastare la siccità. Inoltre, evidenzia che le acque reflue potrebbero rappresentare una fonte potenziale di materiali grezzi come fosforo e nitrati, che possono essere trasformati in fertilizzanti. Secondo le stime, il 22% della domanda globale di fosforo – che costituisce una risorsa minerale limitata - potrebbe essere soddisfatta utilizzando acque reflue trattate. Infine, secondo l'Organizzazione, una migliore gestione delle acque reflue potrebbe generare benefici sociali, ambientali ed economici e contribuire al raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo sostenibile.

    redazione 24-03-2017 Tag: acque refluesiccitàfaorisorse idricheagricolturaambientesicurezza alimentare
Articoli correlati
  • Agroalimentare, in leggera crescita nel primo trimestre

    Buon avvio per il settore agroalimentare nel 2019. Come riporta Ismea, nel primo trimestre il comparto agricolo è caratterizzato dal segno positivo, sebbene il suo contributo sia modesto alla crescita del Pil nazionale, e anche la produzione industriale...

    14-07-2019
  • Fao, aumento della domanda ma prezzi materie prime stabili

    Domanda in aumento, crescita ancora più rapida della produttività e prezzi delle materie prime ai livelli attuali o più bassi. Nei prossimi dieci anni potrebbe essere questo lo scenario del mercato agricolo secondo le previsioni...

    13-07-2019
  • Fefac- Afia, accordo per rafforzare sicurezza e sostenibilità della produzione di mangimi

    Fefac (European Feed Manufacturers' Federation) e Afia (American Feed Industry Association), le federazioni dei produttori europei e statunitensi di mangimi composti, hanno siglato un accordo volto a rafforzare la loro collaborazione in materia di comunicazione,...

    30-06-2019
  • Fosfati negli alimenti, il nuovo parere dell'Efsa

    L’apporto complessivo di fosfati provenienti dagli alimenti potrebbe superare il livello di sicurezza fissato dall’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa). Lo rivela il parere scientifico: “Re-evaluation of phosphoric...

    28-06-2019
  • Focus su dieta mediterranea durante evento Fao su malnutrizione

    Dieta mediterranea e malnutrizione sono state al centro dell’evento: “High Level Event on the Mediterranean Diet” promosso dall'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (Fao) nell’ambito delle iniziative...

    19-06-2019