• Fao: contro la fame servono maggiori investimenti nell’agricoltura

    Print

    Occorre anche finanziare lo sviluppo rurale sostenibile

    Mondo fame %c2%a9 thaut images   fotolia

    Bisogna investire maggiormente nell’agricoltura e nello sviluppo rurale sostenibile, se si vuole raggiungere l’obiettivo di eliminare la fame e la malnutrizione entro il 2030. Lo sostiene José Graziano da Silva, Direttore Generale dell’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao), evidenziando che attualmente sono oltre 800 milioni le persone che soffrono di fame cronica, un numero che ha negli ultimi tempi ha ricominciato a crescere.

    Il dottor Graziano da Silva precisa che circa 155 milioni di bambini che hanno un’età inferiore a cinque anni - quasi un quarto della popolazione mondiale di quella fascia d’età – soffrono di rachitismo. Inoltre, due miliardi di persone soffrono di mancanza di micronutrienti. Per di più, in questo momento il mondo sta affrontando “una delle maggiori crisi umanitarie mai registrate”: oltre 20 milioni di persone sono a rischio di carestia in quattro paesi (Nord-est della Nigeria, Somalia, Sud Sudan e Yemen).

    Il Direttore Generale della Fao aggiunge che i progressi compiuti nella lotta contro la fame e la povertà nei decenni passati sono messi a rischio dai conflitti, dalla crescita della popolazione, dai cambiamenti climatici e dalla modifica dei regimi alimentari. Sottolinea, quindi, che per sconfiggere la malnutrizione e la fame occorre trasformare la volontà politica in azione. In particolare, evidenzia la necessità di prestare particolare attenzione alle strategie nazionali, comprese quelle relative alla nutrizione, alla salute e all'educazione. Infine, osserva che la principale arma contro la mancanza di cibo consiste nell’aumentare significamente gli investimenti destinati all’agricoltura e allo sviluppo rurale sostenibile.

    Foto: © Thaut Images - Fotolia

    red. 06-07-2017 Tag: agricolturafaofamemalnutrizionesviluppo ruralesostenibilità
Articoli correlati