• Ricerca: in arrivo il riso alla vitamina A

    Print
    Riso

    Presto sarà prodotta una varietà di riso arricchita con la vitamina A. Lo hanno annunciato gli scienziati dell’Albert-Ludwigs-Universität di Freiburg (Germania), secondo cui la nuova coltura potrebbe aiutare a combattere la malnutrizione tra le popolazioni dei paesi in via di sviluppo.

    Gli studiosi spiegano che il riso è privo di beta-carotene, il precursore della vitamina A. Tuttavia, le foglie della sua pianta contengono dei carotenoidi, che sono utilizzati dal vegetale durante la fotosintesi e nel corso di altri processi. Durante la ricerca, i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista Streucture, gli esperti hanno trovato il modo di sfruttare le proprietà di queste sostanze, in modo da poter creare una qualità di riso ricca di vitamina A. In particolare, sono riusciti a scoprire la struttura tridimensionale di un enzima chiamato phytoene desaturase (Pds), che permette al fitato - uno dei primi precursori del beta-carotene, che si trova nello strato lipidico degli organuli plastidi della pianta - di trasformarsi in carotenoide.

    Durante l’esperimento, per individuare i meccanismi che regolano la sintesi del beta-carotene, gli scienziati hanno utilizzato una molecola di norflurazone, un erbicida sviluppato negli anni '70, che ha provocato la disattivazione dell’enzima Pds e, di conseguenza, lo scolorimento e la morte della pianta. I risultati della sperimentazione, spiegano gli autori, potrebbero essere anche utili ai ricercatori che vorranno sviluppare nuovi agenti in futuro. Grazie allo studio dei ricercatori tedeschi, adesso potrebbe essere possibile non solo produrre un tipo di riso ricco di vitamina A, ma anche indurre variazioni specifiche nella sequenza dell'enzima e utilizzare procedure biotecnologiche per rendere le colture resistenti alle erbe infestanti.

    red. 25-07-2017 Tag: risoagricolturavitamina AricercaCOLTURE
Articoli correlati
  • Agroalimentare, in leggera crescita nel primo trimestre

    Buon avvio per il settore agroalimentare nel 2019. Come riporta Ismea, nel primo trimestre il comparto agricolo è caratterizzato dal segno positivo, sebbene il suo contributo sia modesto alla crescita del Pil nazionale, e anche la produzione industriale...

    14-07-2019
  • Fao, aumento della domanda ma prezzi materie prime stabili

    Domanda in aumento, crescita ancora più rapida della produttività e prezzi delle materie prime ai livelli attuali o più bassi. Nei prossimi dieci anni potrebbe essere questo lo scenario del mercato agricolo secondo le previsioni...

    13-07-2019
  • Polli, al via una raccolta globale sulla diversità genetica

    Un’analisi globale della diversità genetica dei polli ha permesso d’identificare 174 diverse razze avicole. È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista BMC Genomics dagli scienziati dell’Università di Gottinga...

    03-07-2019
  • Stati Uniti, in ritardo semina e sviluppo delle colture

    Negli Stati Uniti la semina e lo sviluppo di diverse colture impiegate nella produzione di mangimi - come mais, soia, frumento e sorgo - procedono a rilento. Lo rivela il rapporto: “Crop Progress” pubblicato il 17 giugno dal Dipartimento...

    26-06-2019
  • Il ruolo della genomica nella zootecnia del futuro

    La genomica potrebbe svolgere un ruolo fondamentale per lo sviluppo della zootecnia in futuro, aiutando a soddisfare il fabbisogno alimentare di una popolazione globale in continua crescita e, nel contempo, a migliorare il benessere del bestiame. Lo affermano...

    11-06-2019