• Perdite e sprechi di cibo: dalla Fao appello al mondo per la“tolleranza zero”

    Print

    All’iniziativa partecipano anche Ifad, Pam e i governi di diversi Paesi

    Cibo alimenti verdure.jpg

    Il Direttore Generale dell’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao), José Graziano da Silva, si è unito all'appello per rinnovare l’impegno globale di tolleranza zero nei confronti delle perdite e degli sprechi alimentari, promosso durante la 72° sessione dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite. L’iniziativa sottolinea che la riduzione degli sprechi di cibo rappresenta una tappa fondamentale per raggiungere l'obiettivo di sviluppo sostenibile “Fame Zero”.

    Graziano da Silva si è unito a Gilbert Houngbo, Presidente del Fondo internazionale per lo sviluppo agricolo (Ifad), a David Beasley, Direttore Esecutivo del Programma alimentare mondiale (Pam), a Thani bin Ahmed Al Zeyoudi, Ministro per i Cambiamenti climatici e l'ambiente degli Emirati Arabi Uniti, a Josefa Correia Sacko, Commissaria per l'economia rurale e l'agricoltura dell'Unione africana, e a rappresentanti governativi della Germania, dei Paesi Bassi e dell'Angola, per chiedere una maggiore cooperazione tra governi, imprese, partner dello sviluppo, gruppi di agricoltori e altri soggetti interessati per affrontare il problema degli sprechi alimentari.

    La Fao evidenzia che ogni anno un terzo del cibo prodotto per il consumo umano va perduto o sprecato. Questo fenomeno comporta anche lo spreco di manodopera, acqua, energia, terra e di altri mezzi di produzione. Ridurre le perdite di alimenti lungo l'intera filiera produttiva, potrebbe consentire ai sistemi alimentari di contribuire anche a promuovere l'adattamento e la mitigazione del clima, a preservare le risorse naturali e a rafforzare i mezzi di sostentamento rurali.

    “La tolleranza zero nei confronti delle perdite e degli sprechi di cibo ha senso anche dal punto di vista economico - osserva Graziano da Silva -. È stato dimostrato che per ogni dollaro che le società hanno investito per ridurre la perdite e sprechi, esse hanno risparmiato 14 dollari in costi operativi. Investire in misure per prevenire le perdite e gli sprechi di cibo significa anche investire in politiche a favore dei poveri, poiché così si promuovono sistemi alimentari sostenibili per un mondo a fame zero”.

    Foto: Pixabay

    red. 29-09-2017 Tag: faosprechi alimentarifamecambiamenti climaticiambientesostenibilità
Articoli correlati
  • Peste africana, in Asia persi cinque milioni di suini

    In Asia è strage di suini. La peste suina africana ha comportato l’abbattimento o il decesso di quasi cinque milioni di capi d’allevamento, con perdite economiche rilevanti. La Fao è intervenuta per sostenere i Paesi colpiti e limitare...

    14-08-2019
  • Commodity alimentari, a luglio prezzi in leggero calo

    Stabile la carne, in netto calo cereali e prodotti lattiero-caseari. La Fao ha rilevato una riduzione dei prezzi delle principali commodity alimentari include nell’Indice Fao dei Prezzi Alimentari. A luglio il valore è stato di 170,9 punti, con una...

    04-08-2019
  • Insediatosi Qu Dongyu, nuovo segretario generale Fao

    Al via il mandato del nuovo direttore generale della Fao. Si è insediato infatti Qu Dongyu, il nono esperto a ricoprire questa carica. Qu rimarrà al vertice dell’agenzia delle Nazioni unite per i prossimi quattro anni, fino al 31 luglio del...

    02-08-2019
  • Fao, ancora lontani gli Obiettivi di sviluppo sostenibile in agricoltura

    La maggior parte degli Obiettivi di Sviluppo sostenibile che riguardano agricoltura, lotta alla fame e sicurezza alimentare sono ancora un traguardo irraggiungibile. Non centrare questi obiettivi mette a rischio l’attuazione dell’intera Agenda per lo...

    01-08-2019
  • Elena Cattaneo: “Tecnologia e innovazione, il futuro dell’agricoltura è il metodo integrato”

    Sviluppo, ricerca scientifica, impatto ambientale e agricoltura biologica (con la proposta di legge in discussione al Senato) sono alcuni dei temi al centro del dibattito sul futuro del settore primario in Italia e in Europa. Mangimi&Alimenti ne ha parlato...

    22-07-2019