Victam
  • Allevamento, nuova tecnica identifica mutazioni genetiche

    Print

    Il metodo potrebbe migliorare i programmi di selezione del bestiame

    Mucche

    Sviluppato un metodo che consente di prevedere se un capo di bestiame svilupperà una mutazione genetica dannosa. Grazie a questa tecnica, sarà possibile orientare i programmi di riproduzione animale e aumentare l'efficacia dell’allevamento. È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Evolutionary Applications dagli scienziati della Peter the Great St. Petersburg Polytechnic University di San Pietroburgo (Russia), secondo cui il sistema applica agli animali i progressi ottenuti dalle ricerche genetiche condotte sugli umani.

    Gli esperti ricodano come una forma di selezione negli animali d’allevamento finalizzata a far evolvere tratti favorevoli o a evitare caratteristiche dannoe sia stata sempre messa in praticata nell'addomesticamento degli animali selvatici. Tuttavia, questa pratica non può considerarsi sufficiente, poiché le varianti genetiche con potenziale negativo non sono controbilanciate da un afflusso di geni positivi provenienti da popolazioni esterne. Con il tempo, la riproduzione controllata può quindi causare una riduzione generale della forma fisica degli animali da fattoria. come ad esempio i bovini. La capacità del settore zootecnico di fornire prodotti di qualità elevata dipende anche dalla conoscenza degli effetti indotti dalle mutazioni genetiche presenti e dalla capacità di eliminare quelle nocive. E questo ruolo di appronfodimento conoscitivo spetta proprio alla ricerca scientifica.

    Gli studiosi hanno utilizzato le informazioni disponibili sulle varianti genetiche umane caratterizzate da potenziali effetti dannosi, e le hanno utilizzate per elaborare un metodo capace di identificare le mutazioni pericolose in altre specie di mammiferi. Le sperimentazioni hanno dimostrato che questa tecnica riesce a identificare le varianti dannose negli animali e potrebbe, pertanto, migliorare la composizione del bestiame,  riducendo in prospettiva l’impiego di sostanze medicinali negli allevamenti. “La metodologia sviluppata potrebbe essere utilizzata per identificare le mutazioni nel genoma degli animali da fattoria – spiega Maria G. Samsonova, che ha coordinato lo studio -, facilitando così la progettazione di percorsi metabolici programmati accuratamente per consentire agli animali di prosperare in una vasta gamma di condizioni”.

    Foto: © nikitos77 - Fotolia

    redazione 17-04-2018 Tag: zootecniaallevamentoricercariproduzionedna
Articoli correlati
  • Canali: “Più dialogo e meno conflitto tra gli attori del settore suinicolo”

    Sebbene alcune delle eccellenze della suinicoltura italiana rientrino fra i prodotti di punta del Made in Italy, la sua presenza sui mercati esteri non è ancora forte come potrebbe essere. Il settore è in ripresa ma i margini di crescita sono...

    11-03-2019
  • Biosicurezza, iniziativa Fefac-Anfnc

    Il contributo offerto dalle pratiche di biosicurezza all’interno dei mangimifici per prevenire la diffusione dei virus è stato al centro del seminario che si è svolto lo scorso 21 febbraio a Bucarest (Romania), su iniziativa di Fefac...

    08-03-2019
  • Afcc, Jacob Hansen eletto nuovo presidente

    Jacob Hansen, Direttore Generale di Fertilizers Europe, è stato eletto presidente di Agri-food chain coalition (Afcc), che rappresenta le 11 principali associazioni di settore della catena agroalimentare dell'Unione Europea. Il neo-presidente si è...

    05-03-2019
  • Obiettivo 2050, possibile grazie alla ricerca scientifica

    Nutrire la popolazione mondiale in continua crescita con meno risorse a disposizione: è una delle principali sfide del 21° secolo e uno dei temi affrontati durante la riunione annuale dell'American Association for the Advancement of Science (Aaas),...

    04-03-2019
  • Studio: grazie a genetica rafforzamento colture contro malattie

    Sviluppato un nuovo metodo per rafforzare la resistenza delle colture a malattie e parassiti. La nuova tecnica, chiamata AgRenSeq, è stata realizzata dagli scienziati del John Innes Centre di Norwich (Gran Bretagna) in collaborazione con ricercatori...

    21-02-2019