Victam
  • Agricoltura, individuato gene che rende piante resistenti alle malattie

    Print
    Ricerca piante

    Identificato un gene che rende le piante resistenti alle malattie. È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Nature Communications dai ricercatori dell’Università di Edimburgo (Regno Unito), secondo cui la scoperta potrebbe favorire lo sviluppo di colture resistenti alle infezioni, aiutando a prevenire la perdita dei raccolti.

    Gli scienziati scozzesi hanno analizzato il processo attraverso cui le piante, quando sono aggredite da batteri o virus, producono piccole quantità di un gas chiamato ossido nitrico, che si accumula nelle cellule vegetali e provoca la risposta del sistema immunitario. In particolare, i ricercatori hanno studiato i geni che si attivano in corrispondenza dell’aumento dei livelli di ossido nitrico in una varietà di crescione, l'Arabidopsis thaliana. Hanno così scoperto che un gene precedentemente sconosciuto, chiamato Seg1, viene rapidamente attivato dall'ossido nitrico e innescato durante l'infezione batterica.

    Ulteriori analisi hanno dimostrato che Srg1 scatena il meccanismo di difesa della pianta, limitando l'attività dei geni che sopprimono la risposta immunitaria. Modificando l'attività di questo gene, gli scienziati hanno dimostrato che le piante che presentavano livelli più alti delle proteine difensive prodotte dal gene erano più resistenti alle infezioni. Inoltre, hanno osservato che l'ossido di azoto regola la risposta immunitaria, assicurando che il sistema di difesa della pianta non reagisca in misura eccessiva. Un sistema immunitario iperattivo danneggia, infatti, il vegetale e ne ostacola la crescita, proprio come succede con le malattie autoimmuni negli umani.

    I ricercatori spiegano che meccanismi simili possono essere trovati in molte altre varietà di piante, e che queste scoperte potrebbero consentire di comprendere i processi fondamentali che sono alla base della regolazione della risposta immunitaria. Ciò potrebbe favorire la produzione di colture resistenti alle infezioni virali e batteriche. “I nostri risultati forniscono il collegamento mancante tra i meccanismi che attivano e i meccanismi che sopprimono la reazione della pianta alle malattie – osserva Gary J. Loake, che ha coordinato la ricerca -. Siamo rimasti sorpresi nel vedere che questo meccanismo potrebbe essere comune a quello presente negli umani”.

    redazione 07-11-2018 Tag: agricolturaricerca geneticapianteresistenzasistema immunitario
Articoli correlati
  • Scoperta genetica potrebbe migliorare qualità mais

    Una scoperta genetica potrebbe migliorare la qualità e la resa del mais. Lo rivela una ricerca pubblicata sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences dagli scienziati della Rutgers University di Piscataway (Usa) e dell’Institute of...

    28-05-2019
  • Innovazione in agricoltura, necessaria per sopravvivenza del made in Italy agroalimentare

    La ricerca scientifica in agricoltura potrebbe proteggere piante simbolo del made in Italy agroalimentare come grano, riso, ulivo, basilico e pomodoro San Marzano, che oggi rischiano di scomparire. Potrebbe, infatti, rendere queste colture più resistenti...

    22-05-2019
  • Istat, nel 2018 crescita dell’economia agricola

    Nel 2018 il settore dell’agricoltura, della silvicoltura e della pesca ha registrato una crescita dello 0,6% del volume della produzione e dello 0,9% del valore aggiunto. È quanto emerge dal rapporto: “Andamento dell’economia agricola...

    18-05-2019
  • Agricoltura, individuati punti deboli dei nematodi

    Identificati i punti deboli dei nematodi, piccoli parassiti che s’inseriscono nelle radici delle piante ostacolandone lo sviluppo. È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Plos One dagli scienziati dell'Università del New...

    15-05-2019
  • Agroalimentare italiano, in aumento valore aggiunto e occupazione

    Nel 2018 l'agroalimentare italiano ha registrato una crescita del valore aggiunto, dell'occupazione e delle imprese dirette da giovani. Lo evidenzia il rapporto “AgrOsserva - La congiuntura agroalimentare - IV trimestre 2018” pubblicato...

    12-05-2019