Victam
  • Le previsioni del tempo e la qualità del mais: il caso americano

    Print
    Mais corn cereali   gina sanders   fotolia.com

    Grazie all’impiego di nuovo algoritmo, potrebbe essere possibile prevedere la resa e la qualità dei raccolti di mais. È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Agronomy dai ricercatori dell'Università dell'Illinois di Urbana (Usa), che hanno utilizzato questo sistema per stimare l’entità e il contenuto nutrizionale delle piantagioni di mais del Midwest, negli Stati Uniti.

    Per realizzare l’algoritmo, gli scienziati hanno analizzato i dati presenti nei resoconti pubblicati dallo U.S. Grains Council, che ogni stagione preleva campioni di cereali per valutarne la composizione e la qualità. Hanno quindi confrontato le informazioni presenti nei rapporti con i dati sulle condizioni meteorologiche che hanno caratterizzato le stagioni 2011-2017. In particolare, per elaborare il sistema si sono concentrati sul clima presente durante tre periodi critici dello sviluppo del cereale: emergenza, emissione degli stili e maturazione. Hanno così scoperto che l’elemento che fornisce dati più accurati sulla resa e sulla qualità del mais è la disponibilità di acqua durante le fasi dell’emissione degli stili e della maturazione.

    Approfondendo l'analisi, gli autori hanno identificato le condizioni climatiche che influenzano la composizione del cereale, ossia le proporzioni di amido, olio e proteine presenti all’interno dei chicchi. Hanno individuato, nello specifico, due situazioni che favoriscono la presenza di concentrazioni più elevate di olio e proteine: la minore lisciviazione dell'azoto durante le prime fasi della crescita e temperature più alte durante la fioritura. Invece, temperature più basse durante la fioritura e la maturazione fanno sì che i chicchi abbiano un contenuto maggiore di olio che di proteine.

    Gli scienziati spiegano che la capacità di prevedere le concentrazioni di proteine e olio nei chicchi di mais potrebbe influenzare i mercati globali, data la crescente domanda di mais ad alto contenuto proteico che proviene dall’industria mangimistica. Grazie al nuovo algoritmo, concludono gli esperti, potrebbe essere possibile prevedere il rendimento e la qualità delle colture settimane o mesi prima del raccolto, semplicemente osservando le condizioni meteorologiche.

    Foto: © Gina Sanders - Fotolia.com

    redazione 12-02-2019 Tag: maisresaqualitàclimacereali
Articoli correlati
  • Stati Uniti, in ritardo semina e sviluppo delle colture

    Negli Stati Uniti la semina e lo sviluppo di diverse colture impiegate nella produzione di mangimi - come mais, soia, frumento e sorgo - procedono a rilento. Lo rivela il rapporto: “Crop Progress” pubblicato il 17 giugno dal Dipartimento...

    26-06-2019
  • Usa, in calo produzione di mais. Stabile quella della soia

    Negli Stati Uniti il maltempo ha rallentato la semina di mais e soia, ma ha provocato il calo della produzione soltanto nel caso del cereale. Il raccolto del legume, invece, non dovrebbe aver risentito del ritardo. Lo evidenzia il rapporto “World...

    25-06-2019
  • Marcello Veronesi: “Il 60% delle materie prime per mangimi arriva dall’estero”

    La dipendenza da materie prime alimentari importate dall’estero ha raggiunto una soglia di allarme. Le risorse interne sono infatti insufficienti per rispondere alla domanda delle aziende zootecniche: quasi il 60% dei cereali e delle farine proteiche...

    24-06-2019
  • Usa: in ripresa semina di mais, soia e altri cereali

    Dopo diverse settimane di maltempo, che hanno ritardato la semina di diverse colture, la fine delle piogge ha consentito agli agricoltori statunitensi di proseguire la coltivazione di mais, soia e altri cereali utilizzati nella produzione dei mangimi. Lo...

    18-06-2019
  • Usa: maltempo ritarda semina di mais, soia e altri cereali

    A causa delle cattive condizioni meteorologiche, negli Stati Uniti la semina del mais, della soia e di altri cereali utilizzati nella produzione dei mangimi presenta un significativo ritardo. Lo rivela il rapporto “Crop Progress” pubblicato dal...

    06-06-2019