Victam
  • Studio: grazie a genetica rafforzamento colture contro malattie

    Print
    Agricoltura dna biotecnologia agricoltura %c2%a9 mopic   fotolia.com

    Sviluppato un nuovo metodo per rafforzare la resistenza delle colture a malattie e parassiti. La nuova tecnica, chiamata AgRenSeq, è stata realizzata dagli scienziati del John Innes Centre di Norwich (Gran Bretagna) in collaborazione con ricercatori australiani e statunitensi, e consente di traferire i geni che proteggono le piante selvatiche dagli agenti patogeni nelle colture destinate all’alimentazione di uomini e animali, come grano, soia, mais, riso e patate.

    Nel corso dello studio, pubblicato sulla rivista Nature Biotechnology, gli autori hanno messo a punto una tecnica che consente d’individuare i geni responsabili della resistenza alle malattie vegetali nei “parenti” selvatici delle colture moderne, in modo da poter identificare rapidamente le sequenze genetiche associate alla capacità di combattere le patologie. Successivamente, i ricercatori possono utilizzare tecniche di laboratorio per clonare i geni e introdurli nelle migliori varietà delle colture domesticate, in modo da proteggerle dagli agenti patogeni e da parassiti come ruggine del grano, oidio e cecidomia distruttrice del grano.

    Gli scienziati spiegano di aver testato con successo AgRenSeq in un parente selvatico del grano: nel giro di pochi mesi sono riusciti a identificare e a clonare quattro geni associati alla resistenza al patogeno che provoca la ruggine del grano. Precisano che impiegando i metodi tradizionali, per compiere questo processo sarebbe servito un decennio e i costi della procedura sarebbero stati molto più elevati. Il passo successivo, spiegano, consisterà nell’utilizzare AgRenSeq per studiare i geni dei parenti selvatici di soia, piselli, cotone, mais, patate, grano, orzo, riso, banane e cacao.

    “Abbiamo trovato un modo per analizzare il genoma del parente selvatico di una coltura e individuare i geni di resistenza di cui abbiamo bisogno: e possiamo farlo in tempo record – afferma Brande B. H. Wulff, che ha coordinato la sperimentazione -. Si tratta di un processo che in passato richiedeva 10 o 15 anni ed era simile a cercare un ago in un pagliaio. Abbiamo perfezionato questo metodo in modo da poter clonare questi geni in pochi mesi e al costo di migliaia di dollari anziché di milioni di dollari”.

    Foto: © Mopic - Fotolia.com

    redazione 21-02-2019 Tag: ricercaagricolturaresistenzageniCOLTURE
Articoli correlati
  • Il ruolo della genomica nella zootecnia del futuro

    La genomica potrebbe svolgere un ruolo fondamentale per lo sviluppo della zootecnia in futuro, aiutando a soddisfare il fabbisogno alimentare di una popolazione globale in continua crescita e, nel contempo, a migliorare il benessere del bestiame. Lo affermano...

    11-06-2019
  • Scoperta genetica potrebbe migliorare qualità mais

    Una scoperta genetica potrebbe migliorare la qualità e la resa del mais. Lo rivela una ricerca pubblicata sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences dagli scienziati della Rutgers University di Piscataway (Usa) e dell’Institute of...

    28-05-2019
  • Innovazione in agricoltura, necessaria per sopravvivenza del made in Italy agroalimentare

    La ricerca scientifica in agricoltura potrebbe proteggere piante simbolo del made in Italy agroalimentare come grano, riso, ulivo, basilico e pomodoro San Marzano, che oggi rischiano di scomparire. Potrebbe, infatti, rendere queste colture più resistenti...

    22-05-2019
  • Istat, nel 2018 crescita dell’economia agricola

    Nel 2018 il settore dell’agricoltura, della silvicoltura e della pesca ha registrato una crescita dello 0,6% del volume della produzione e dello 0,9% del valore aggiunto. È quanto emerge dal rapporto: “Andamento dell’economia agricola...

    18-05-2019
  • Agricoltura, individuati punti deboli dei nematodi

    Identificati i punti deboli dei nematodi, piccoli parassiti che s’inseriscono nelle radici delle piante ostacolandone lo sviluppo. È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Plos One dagli scienziati dell'Università del New...

    15-05-2019