Victam
  • Stati Uniti, in ritardo semina di mais e altri cereali

    Print

    Colpa delle cattive condizioni meteo

    Copia di agricoltura trattore cereali %c2%a9 hopsalka   fotolia

    Negli Stati Uniti le condizioni meteorologiche avverse avrebbero ritardato la semina del mais e di altri cereali utilizzati nella produzione dei mangimi. Lo evidenzia il rapporto “Crop Progress” pubblicato dal Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (Usda), secondo cui le piogge e le inondazioni avrebbero costretto gli agricoltori a posticipare la semina e, in alcuni casi, a modificare i propri progetti, inducendoli a optare per colture con tempi di crescita più brevi, come la soia.

    Mais – L’Usda precisa che la semina del mais ha lo stesso ritmo registrato durante la primavera dello scorso anno, ma è rimasta indietro rispetto alla media pluriennale. Quest'anno – come nel 2018 - è stato piantato in media circa il 5% dei semi di mais nei 18 stati che producono il 92% del raccolto. I maggiori progressi sono stati rilevati in Texas, dov’è stato seminato il 57% della coltura. In altri 12 stati, invece, la semina è appena iniziata.

    Grano – La semina del frumento invernale è in ritardo sia rispetto allo scorso anno, sia rispetto alla media pluriennale. Nei 18 stati che forniscono il 90% del raccolto, finora è stato piantato solo il 6% dei semi. In compenso, l’Usda osserva che la qualità del grano invernale quest’anno dovrebbe essere superiore a quella dell’anno scorso: circa il 60% del raccolto è stato valutato come "buono o eccellente", mentre nello stesso periodo del 2018 la percentuale si fermava al 31%. In ritardo anche la semina del grano primaverile, inferiore a quella degli anni precedenti. In particolare, finora è stato piantato il 2% dei semi, mentre l’anno scorso ne era stato piantato circa il 3%.

    Sorgo – L’Usda osserva che la semina dell’orzo prosegue a un ritmo più lento di quello registrato nel 2018 e rispetto alla media pluriennale. Se l'anno scorso era stato piantato circa il 20% dei semi, quest’anno la percentuale si ferma a circa il 19%.

    Avena – La semina dell’avena procede invece a un ritmo leggermente più veloce rispetto all'anno scorso, anche se resta più lento rispetto alla media pluriennale. Finora è stato piantato circa il 40% dei semi, mentre nel 2018 la percentuale si fermava al 30%. Circa il 26% delle piantine ha iniziato a germogliare, un risultato in linea con quanto avvenuto lo scorso anno, ma in ritardo rispetto alla media stagionale.

    Orzo – Anche la superficie coltivata con l’orzo è leggermente superiore rispetto a quella dell'anno scorso, ma il ritmo della semina resta molto indietro rispetto alla media pluriennale. Quest'anno è stato piantato circa l'8% dei semi, mentre la media stagionale si attesta intorno al 19%.

    Foto: © hopsalka - Fotolia

    red. 23-04-2019 Tag: cerealiUSDAseminamaisUsagrano
Articoli correlati
  • Commodities alimentari, a marzo prezzi stabili

    A marzo i prezzi delle materie prime alimentari sono rimasti sostanzialmente stabili. L’aumento delle quotazioni dei prodotti lattiero-caseari e della carne è stato, infatti, compensato dal calo dei listini dei cereali, dell'olio vegetale e dello...

    07-04-2019
  • Mais, impiego di funghi autoctoni efficace contro aflatossine

    L’impiego di funghi autoctoni di Aspergillus flavus incapaci di produrre micotossine potrebbe proteggere le piantagioni di mais dalla contaminazione da aflatossine. Lo rivela uno studio pubblicato sulla rivista Agronomy Journal dagli scienziati della North...

    06-04-2019
  • Usa, in calo piantagioni di soia

    Nel 2019 le piantagioni statunitensi di soia dovrebbero diminuire, mentre quelle del mais dovrebbero aumentare. Nel frattempo, le scorte del legume sono cresciute, mentre quelle del cereale sono scese. Lo evidenziano i rapporti “Prospective...

    04-04-2019
  • Usa, maltempo mette a rischio coltivazioni soia e mais

    Negli Stati Uniti il maltempo potrebbe mettere in pericolo le coltivazioni di soia e mais. Lo sostiene Planalytics, una società meteorologica con sede a Berwyn (Pennsylvania), secondo cui le recenti alluvioni potrebbero ridurre la produzione di mais del...

    02-04-2019
  • Marcello Veronesi: “Prioritario il supporto a ricerca per lo sviluppo dell'agroalimentare italiano”

    "Il quadro che emerge dall'indagine di Nomisma sull'innovazione in agricoltura riafferma ancora una volta l’urgente necessità di investire di più nella ricerca. Il contributo che arriva dal progresso scientifico può essere determinante...

    21-03-2019