Victam
  • Consumi domestici, in calo domanda di pesce

    Print

    Crescono gli acquisti di salmone e prodotti congelati

    Pesce %c2%a9 friedberg   fotolia.com

    Nel 2018 la spesa delle famiglie italiane per il pesce è rallentata: dopo la crescita registrata nel 2017, gli acquisti di prodotti ittici in Italia hanno subito un calo di quasi il 2%. Lo comunica l’Ismea (Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare), precisando che il pesce è uno dei prodotti alimentari che risentono maggiormente delle oscillazioni del potere d'acquisto delle famiglie.

    L’Ismea sottolinea che nonostante la riduzione dei consumi, alcuni prodotti ad alto contenuto di servizio e praticità o alcune specie - generalmente d’importazione come il salmone – fanno eccezione. Nel 2018 è infatti aumentata la spesa per il pesce surgelato confezionato, in gran parte costituito da filetti e bastoncini di merluzzo e platessa, che registra un incremento del 2,6%. Tra il pesce fresco, invece, la domanda è cresciuta soltanto per poche specie: salmone, pesce persico, orate, merluzzi, pesce spada e, seppur in misura inferiore, alici. Tra le conserve, sono diminuiti gli acquisti di alici e sardine, mentre sono aumentati quelli di salmone.

    Secondo l’Istituto, questi dati suggeriscono che il consumo domestico di pesce fresco rappresenta meno della metà (48%) della domanda complessiva di prodotti ittici. La distribuzione moderna continua a essere il canale preferito dalle famiglie per l'acquisto di pesce (oltre l'80% nel 2018), a discapito dei punti vendita tradizionali. Per quanto riguarda la provenienza, l'Ismea precisa che una buona parte del pesce che arriva sulle nostre tavole proviene dall’estero. La provenienza è per lo più comunitaria e, in misura lievemente minore, extracomunitaria. Le importazioni di pesce, in costante crescita nell'ultimo decennio, hanno raggiunto un valore di 1,35 milioni di tonnellate nel 2018, generando esborsi complessivi pari a 5,9 miliardi di euro, circa un terzo in più rispetto alle somme rilevate all’inizio del decennio.

    Foto: © Friedberg - Fotolia

    redazione 16-05-2019 Tag: pesceprodotti itticiIsmeaimportconsumi domestici
Articoli correlati
  • Export agroalimentare, embargo verso Russia provoca perdite per 217 milioni di euro

    L’export dei prodotti agroalimentari italiani è stato seriamente danneggiato dall’embargo verso la Federazione Russa, che è costato al Belpaese 217 milioni di euro. Lo evidenzia il rapporto: “Scambi con l’estero - Gli scambi...

    20-06-2019
  • Comparto suinicolo europeo: calo domanda estera, rallenta mercato

    Nei primi mesi del 2019 il mercato suinicolo europeo ha risentito del calo delle esportazioni in Cina. Lo evidenzia il rapporto: “Suini: tendenze del settore” pubblicato dall’Ismea (Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare),...

    16-06-2019
  • Del Bravo (Ismea): “Fare della Pac uno strumento a sostegno delle IG italiane”

    Fabio Del Bravo è responsabile della Direzione Servizi per lo Sviluppo Rurale di Ismea, l’Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare che ha redatto, in collaborazione alla Fondazione Qualivita, il rapporto annuale sui valori economici e...

    13-06-2019
  • UE, mercato lattiero-caseario in ripresa

    Nel primo trimestre del 2019 la ripresa della domanda mondiale di commodity ha influenzato positivamente il mercato lattiero-caseario europeo. Lo evidenzia il rapporto “Lattiero caseari: tendenze e dinamiche recenti” pubblicato dall’Ismea...

    24-05-2019
  • Carni ovicaprine, in crescita produzione ed export

    Nella stagione 2017/18 la produzione di carni ovicaprine è aumentata dell’1,6%, anche se il numero dei capi macellati è diminuito del 3,4%. Lo evidenzia il rapporto “Carne ovicaprina: tendenze e dinamiche recenti” pubblicato...

    23-05-2019