• Scoperta genetica potrebbe migliorare qualità mais

    Print
    Mais pannocchie cereali   seeyou   c. steps   fotolia.com

    Una scoperta genetica potrebbe migliorare la qualità e la resa del mais. Lo rivela una ricerca pubblicata sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences dagli scienziati della Rutgers University di Piscataway (Usa) e dell’Institute of plant physiology & ecology di Shanghai (Cina), che hanno identificato i regolatori genetici che sintetizzano l'amido e le proteine all’interno dell'endosperma del cereale.

    Gli autori precisano che con il passare del tempo la coltivazione del cereale ha gradualmente aumentato il contenuto di amido nel mais, riducendo l'accumulo di proteine all’interno dell’endosperma - il tessuto vegetale che circonda l'embrione all'interno del seme, contenente amido, oli e proteine. In particolare, sottolineano che una proteina fondamentale presente nei chicchi di mais, chiamata zeina, risulta priva di lisina, un amminoacido essenziale e componente elementare delle proteine.

    A causa di questa carenza, il mais che viene prodotto oggi contiene livelli di lisina troppo bassi per soddisfare le esigenze della popolazione mondiale in rapida crescita. Per questo motivo, genetisti molecolari e coltivatori di mais stanno cercando di ridurre drasticamente i livelli di zeina, in modo da migliorare la qualità dei nutrienti del mais.

    Nel corso dell’indagine, gli studiosi hanno scoperto che l'amido e le proteine sono sintetizzati simultaneamente nell'endosperma. Inoltre, hanno identificato due fattori di trascrizione che giocano un ruolo fondamentale nella regolazione della sintesi dell’amido e delle proteine. La scoperta, spiegano, potrebbe consentire di migliorare l'equilibrio, a livello molecolare, tra la qualità dei nutrienti e la resa del mais. “Abbiamo individuato un nuovo approccio – dichiara Zhiyong Zhang, che ha diretto lo studio - che permetterà di scoprire nuovi regolatori nella sintesi dell’amido e delle proteine, che determinano la resa e la qualità del cereale”.

    Foto: © seeyou_c. steps - Fotolia

    red. 28-05-2019 Tag: maisricerca geneticaresaqualitàagricoltura
Articoli correlati
  • Stati Uniti, la maturazione del mais è rallentata

    L’ultimo report del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti dello scorso 8 luglio ha aggiornato le fasi di sviluppo delle colture foraggere. Se la semina del mais è terminata, la coltura subisce ancora gli effetti di una stagione...

    17-07-2019
  • Ricerca, combinazione di ginseng e sorgo rende più efficiente alimentazione avicola

    L’aggiunta del ginseng brasiliano nei mangimi a base di sorgo potrebbe rendere più efficienti gli alimenti per pollame e prolungare il periodo di conservazione delle uova. Lo suggerisce uno studio pubblicato sulla rivista Livestock Science dagli...

    16-07-2019
  • Agroalimentare, in leggera crescita nel primo trimestre

    Buon avvio per il settore agroalimentare nel 2019. Come riporta Ismea, nel primo trimestre il comparto agricolo è caratterizzato dal segno positivo, sebbene il suo contributo sia modesto alla crescita del Pil nazionale, e anche la produzione industriale...

    14-07-2019
  • Fao, aumento della domanda ma prezzi materie prime stabili

    Domanda in aumento, crescita ancora più rapida della produttività e prezzi delle materie prime ai livelli attuali o più bassi. Nei prossimi dieci anni potrebbe essere questo lo scenario del mercato agricolo secondo le previsioni...

    13-07-2019
  • Usa, aumentano coltivazioni di mais. In calo quelle di soia e grano

    Nel 2019 i terreni destinati alla coltivazione del mais negli Usa dovrebbero aumentare del 2,9% rispetto al 2018, fino a raggiungere la superficie di 91.700.000 di acri. Lo evidenzia il rapporto “Acreage” pubblicato lo scorso 28 giugno dal...

    10-07-2019