• Fame e malnutrizione, la Fao verso Expo 2015: "Agire adesso"

    Print

    A novembre la II Conferenza sulla Nutrizione a cui prenderà parte anche Papa Francesco

    Fame

    Expo Milano 2015, con il suo tema dedicato alla sicurezza alimentare, e la conferenza internazionale sulla nutrizione (ICN2) del prossimo novembre a Roma rappresentano "degli sforzi emblematici che aiuteranno a dare forma al futuro sostenibile che vogliamo". A dirlo Direttore Generale della FAO, José Graziano da Silva. Intervenendo ad una tavola rotonda in merito ad Expo 2015, Graziano da Silva ha detto che "dobbiamo agire ora e con forza per raggiungere un mondo in cui non esistano né sotto ne sovra-alimentazione".

     

    Il Direttore Generale della FAO ha lanciato l'appello per un impegno comune per assicurare "sicurezza alimentare e nutrizione adeguata per tutti" oltre ad uno sviluppo socio-economico sostenibile e inclusivo. "Il fatto è che fame e malnutrizione sono due delle maggiori catastrofi prevenibili che colpiscono il nostro pianeta. Ogni forma di malnutrizione ha un impatto terribile e costoso sia per il singolo individuo sia in termini socio economici. Fino a quando fame e malnutrizione esisteranno, continueremo ad essere testimoni di grandissime sofferenze" ha continuato Graziano da Silva.

    All'evento "Un patto globale per il cibo" hanno partecipato personalità di altro profilo del Governo Italiano, di Expo Milano 2015, del settore privato e della società civile. Graziano da Silva, a capo dell'agenzia che guida il lavoro delle Nazioni Unite in materia di sicurezza alimentare, nutrizione e agricoltura, ha sottolineato che oggi 840 milioni di persone soffrono la fame cronica, e oltre 160 milioni di bambini sono rachitici, mentre circa 2 miliardi di persone al mondo soffrono di diverse forme di malnutrizione.

    "Circa il 45% delle morti infantili sono imputabili alla malnutrizione. E anche quando il bambino o la bambina sopravvivono, il loro futuro sarà comunque compromesso a causa della nutrizione inadeguata ricevuta nei primi giorni di vita". Tuttavia, ha sottolineato, tutto questo accade non perché al mondo non ci sia cibo a sufficienza per tutti, ma a causa degli ostacoli che le persone incontrano per avere accesso al cibo - un cibo adeguato, sano, nutriente - o ai mezzi per produrlo da sé o per acquistarlo. Dal 19 al 21 novembre, la FAO e l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) organizzano la Seconda Conferenza Internazionale sulla Nutrizione (ICN2) presso la sede della FAO a Roma, l'evento più importante sul tema della nutrizione negli ultimi 20 anni. Papa Francesco è tra le autorità che hanno confermato la propria partecipazione, prestando la sua voce ad un appello globale in supporto alla lotta alla malnutrizione, una delle dimensioni principali, ma spesso nascoste, della fame.

    c.c. 16-06-2014 Tag: famemalnutrizioneexpo 2015fao
Articoli correlati