• Fefac, chiarimenti sulle linee guida per la produzione responsabile di soia

    Print
    Soia

    Con il documento “Soy sourcing guidelines”, la European Feed Manufacturers' Federation (Fefac) intende facilitare lo scambio commerciale della soia prodotta in modo responsabile. Lo ha spiegato l’ente all’interno di una rapporto, diretto a chiarire il contenuto delle linee guida sui requisiti minimi per la produzione della soia. In particolare, Fefac vuole sensibilizzare l'opinione pubblica sulla necessità di cooperare per poter trasformare il mercato.

    La Federazione precisa che le “Soy sourcing guidelines” non sanciscono nuovi criteri, ma descrivono una serie di indicazioni sostenibili da includere nei programmi di produzione del legume. L’obiettivo è quello di promuovere l'attuazione di piani di miglioramento continuo da parte degli operatori del mercato della soia.

    Le linee guida evidenziano sei principi di base: conformità giuridica, responsabilità ambientale, buone pratiche agricole, tutela delle relazioni comunitarie, rispetto per il “diritto alla terra” e condizioni di lavoro ragionevoli. Nello specifico, il documento individua una serie di norme sociali e ambientali, che gli agricoltori potrebbero adottare per produrre la soia in modo responsabile.

    Tuttavia, durante la consultazione pubblica è emersa una certa confusione sul vero contenuto del testo. Fefac ha quindi chiarito che le linee guida non costituiscono i nuovi standard da applicare, ma rappresentano una serie di raccomandazioni che sarebbe opportuno attuare. L’ente, infatti, ha precisato di non avere l’autorità per stabilire quale tipo di prodotto le aziende devono acquistare o per adottare uno specifico programma sulla coltivazione del legume.

    Fefac, infine, ha annunciato che le linee guida saranno ufficializzate nel mese di settembre 2015. In quell’occasione sarà attivato anche un sito internet, che le persone interessate potranno consultare per comprendere le finalità di base e le modalità d’impiego delle “Soy sourcing guidelines”.

    Nadia Comerci 03-09-2015 Tag: soiaFEFACcoltivazione responsabilemercato
Articoli correlati
  • Soia, Fefac a Ue: favorire buone pratiche nei Paesi produttori contro la deforestazione

    Per contrastare la deforestazione, e favorire una coltivazione sostenibile della soia, bisogna supportare le migliori pratiche agricole direttamente nei Paesi produttori. Limitarsi al blocco delle importazioni di materie prime alimentari correlate al rischio...

    23-09-2020
  • Usa, le nuove stime di settembre riducono la produzione di mais e soia

    Leggera rivalutazione al ribasso della produzione di mais e soia negli Stati Uniti. Ciononostante il livello resta superiore a quello stimato per la stagione precedente. In crescita la produzione di soia a livello mondiale, sempre rispetto al 2019/20. Nel report...

    22-09-2020
  • Cereali: Coceral, confermato il calo produttivo nel 2020 per l'Ue

    Previsioni riviste al ribasso per la produzione cerealicola. Coceral ha corretto le stime sull’output dei cereali per il 2020 nei 27 Paesi dell’Unione europea rispetto alle precedenti valutazioni di giugno. Resta così confermato il calo...

    16-09-2020
  • Soia, verso un'alleanza strategica Cina-Russia?

    Pur mantenendo gli impegni presi con gli Stati Uniti secondo l’accordo di Fase Uno, la Cina starebbe cercando di diversificare i partner commerciali per garantirsi nel medio-lungo periodo adeguate forniture di soia. Tra questi la Russia, con la quale la...

    05-09-2020
  • Brasile, per il 2020/2021 sarà record per la produzione di soia

    La nuova stagione che sta per cominciare si preannuncia favorevole per la soia brasiliana. Piantagioni in aumento, produzione record e incremento di scambi commerciali soprattutto con la Cina. Sono le indicazioni rilevate da SpaceX, una società di...

    01-09-2020