• Fefac, dialogo con Commissario UE su sicurezza e tracciabilità dei mangimi

    Print
    5 mangimi cereali laboratorio sicurezza alimentari controlli ogm

    Il 29 settembre 2015, il Commissario europeo per la salute e la sicurezza alimentare, Vytenis Andriukaitis, ha incontrato i rappresentanti della European Feed Manufacturers' Federation (Fefac), per discutere di sicurezza e tracciabilità dei mangimi. Durante l'evento, Fefac ha chiesto di rafforzare la cooperazione tra i produttori di mangimi e le autorità competenti a livello nazionale.

    La Federazione ha evidenziato la necessità che i diversi Stati membri dell'Unione Europea diventino più disponibili a condividere esperienze e best practice con gli altri. Questo rafforzerebbe l'intero settore mangimistico, migliorando la capacità di valutazione e la gestione del rischio lungo l'intera catena alimentare.

    Fefac ha sottolineato che l'industria dei mangimi europea merita un riconoscimento per i successi ottenuti, negli ultimi dieci anni, in materia di gestione della sicurezza alimentare. Per questo, ha affermato la necessità di cambiare mentalità. Non bisogna più pensare a quanto resta imparare, ma focalizzarsi sul “mostrare quanto si è bravi”.

    In particolare, il Presidente della federazione, Ruud Tijssens, ha ricordato al Commissario Andriukaitis che oltre la metà delle notifiche Rasff (Sistema rapido di allerta europeo per alimenti e mangimi) degli ultimi due anni, sono state il risultato dei controlli effettuati dagli operatori del comparto mangimistico. Ha evidenziato, inoltre, che il settore contribuisce a garantire la sicurezza degli alimenti di origine animale, senza lasciare che quest'incombenza “slitti” ai successivi operatori della catena alimentare.

    Alla fine dell'incontro, è stato sottolineato come l'industria europea dei mangimi, le autorità di controllo competenti e il Commissario europeo condividano una priorità fondamentale: "salvaguardare l'integrità e la sicurezza della catena alimentare".

    redazione 15-10-2015 Tag: FEFACCommissione europeasicurezza alimentaretracciabilitàmangimiindustria mangimistica
Articoli correlati