• Fao, occorre investire nelle zone rurali per sfamare la popolazione mondiale

    Print
    Foto fame

    Per sfamare la popolazione mondiale in crescita, occorre investire nelle zone rurali, dove risiede l'80% dei poveri di tutto il mondo. Ad affermarlo è stato José Graziano Da Silva, Direttore Generale della Fao (Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura), durante il convegno "Finance for Food: Investing in agriculture for a sustainable future", che si è tenuto il 16 ottobre a Expo-Milano, in occasione della “Giornata Mondiale dell'Alimentazione”.

    Combattere la fame rappresenta “un compito difficile - ha affermato Da Silva -, ma può essere eseguito in modo efficiente attraverso la combinazione di investimenti nella protezione sociale e nelle attività produttive mirate ai più poveri”. Il DG della Fao ritiene che per rompere il cerchio della povertà rurale, bisogna investire nella ricerca e nei servizi di divulgazione agricoli, nelle infrastrutture rurali, nell'educazione e nella gestione delle risorse naturali. Occorre fare in modo che anche chi coltiva una terreno per il fabbisogno familiare sia in grado di provvedere alle proprie esigenze: “Dobbiamo aiutare gli oltre 500 milioni di piccoli agricoltori presenti in tutto il mondo, a investire nel proprio futuro”.

    La Fao stima che, entro il 2050, la produzione agricola dovrà crescere di circa il 60% per poter sfamare il pianeta. "Gli investimenti necessari a raggiungere questo obiettivo – spiega Da Silva - dovranno includere una prospettiva più ampia per rispettare l'agenda degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile entro il 2030".

    L'organizzazione ha anche pubblicato il rapporto annuale: “State of Food and Agriculture (SOFA)”. Il documento evidenzia che le iniziative di protezione sociale - come il trasferimento di denaro, le mense scolastiche e i lavori d'interesse pubblico – potrebbero aiutare le persone più vulnerabili a lasciare lo stato di fame e di povertà in cui si trovano. Potrebbero, inoltre, migliorare la salute, l'educazione e le opportunità dei più piccoli. Ma la protezione sociale da sola non basta a sconfiggere fame e povertà. Il rapporto sottolinea la necessità d'investire nel miglioramento della produttività agricola, nello sviluppo rurale e nella crescita.

    redazione 26-10-2015 Tag: faopovertàfamezone ruraliagricoltori
Articoli correlati
  • Sicurezza alimentare, l'impegno Fao per il 2030

    L’Obiettivo numero due dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo sostenibile richiede di “porre fine alla fame, raggiungere la sicurezza alimentare, migliorare la nutrizione e promuovere un’agricoltura sostenibile”. Uno degli attori titolati...

    06-11-2019
  • Fao e Ifif per la sostenibilità e sicurezza della catena feed&food

    La sostenibilità e la sicurezza del settore mangimistico e della zootecnia e della catena alimentare sono obiettivi condivisi dall’Ifif, la Federazione internazionale dell’Industria mangimistica, e dalla Fao. Le due organizzazioni sono reduci...

    25-10-2019
  • Ucraina, verso il record di produzione cerealicola

    Ottima performance per il settore cerealicolo in Ucraina. È atteso infatti un raccolto record di 71,8 milioni di tonnellate, con maggiori quantità di grano e di orzo, secondo i dati diffusi dal ministero dell’Agricoltura del Paese...

    24-10-2019
  • Fao: diete sane accessibili e stop allo spreco di cibo le priorità

    La promozione di diete sane e la lotta a qualsiasi forma di malnutrizione è il tema scelto dalla Fao per il prossimo biennio 2020-2021. Un tema che concretizza ancora una volta l’impegno dell’agenzia delle Nazioni Unite a perseguire...

    18-10-2019
  • Cerali, a settembre prezzi stabili. Cresce la stima della produzione di mais negli Usa

    A settembre i prezzi delle materie prime si sono mantenuti stabili. Il valore dell’Indice Fao dei Prezzi è stato pari a 170 punti, invariato quindi rispetto allo scorso mese di agosto ma superiore del 3,3% su base tendenziale. Considerando i vari...

    05-10-2019