• Nasce piattaforma tecnica contro gli sprechi alimentari

    Print
    Frutta e verdura alimentazione mercato supermercato %c2%a9 pure life pictures   fotolia.com

    Rafforzare la cooperazione internazionale per migliorare la quantificazione e la lotta agli sprechi alimentari. È questo l'obiettivo della nuova “Piattaforma tecnica sulla misurazione e la riduzione della perdita e dello spreco di cibo”, promossa dalla Fao (Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura), dall'Ifpri (Istituto internazionale di ricerca sulle politiche alimentari) e dal Cgiar research program on Policies, institutions, and markets (Pim), su richiesta dei Ministri dell'Agricoltura dei paesi membri del G20.

    La Piattaforma rappresenta un sistema di condivisione delle informazioni e di coordinamento. Coinvolge organizzazioni internazionali, banche multilaterali di sviluppo, enti non governativi ed esponenti del settore privato. D'ora in poi i diversi partner lavoreranno insieme per migliorare la quantificazione della perdita e dello spreco di cibo, lo scambio di conoscenze e la condivisione delle migliori pratiche del settore.

    In particolare, la Piattaforma punta a sviluppare la capacità di ridurre gli sprechi alimentari non solo nei paesi del G20, ma anche in quelli a basso reddito. Inoltre, intende appurare le cause, l'entità e i costi della perdita di cibo. Infine, si prefigge di fornire consulenza e assistenza tecnica a chi si adopera attivamente per contrastare il problema.

    “La Piattaforma G20 migliorerà la nostra capacità di calcolare con precisione la perdita e lo spreco di cibo, nei paesi del G20 e in quelli a basso reddito – afferma José Graziano da Silva, Direttore Generale Fao -. Arrecherà nuove competenze e conoscenze per perfezionare i metodi di misurazione. Cercherà di soddisfare le richieste dei paesi di conoscenze e di buone pratiche”.

    “Dobbiamo coordinare gli sforzi globali per ridurre la perdita e lo spreco di cibo e per incrementare la nostra capacità di eliminare in modo sostenibile la fame e la malnutrizione - dichiara Shenggen Fan, Direttore Generale Ifpri -. Questa nuova piattaforma rappresenta un passo fondamentale in questa direzione”.

    Foto: © pure-life-pictures - Fotolia

    n.c. 14-12-2015 Tag: sprechi alimentarifaoIfprifamemalnutrizionecibo
Articoli correlati
  • Sicurezza alimentare, l'impegno Fao per il 2030

    L’Obiettivo numero due dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo sostenibile richiede di “porre fine alla fame, raggiungere la sicurezza alimentare, migliorare la nutrizione e promuovere un’agricoltura sostenibile”. Uno degli attori titolati...

    06-11-2019
  • Fao e Ifif per la sostenibilità e sicurezza della catena feed&food

    La sostenibilità e la sicurezza del settore mangimistico e della zootecnia e della catena alimentare sono obiettivi condivisi dall’Ifif, la Federazione internazionale dell’Industria mangimistica, e dalla Fao. Le due organizzazioni sono reduci...

    25-10-2019
  • Ucraina, verso il record di produzione cerealicola

    Ottima performance per il settore cerealicolo in Ucraina. È atteso infatti un raccolto record di 71,8 milioni di tonnellate, con maggiori quantità di grano e di orzo, secondo i dati diffusi dal ministero dell’Agricoltura del Paese...

    24-10-2019
  • Fao: diete sane accessibili e stop allo spreco di cibo le priorità

    La promozione di diete sane e la lotta a qualsiasi forma di malnutrizione è il tema scelto dalla Fao per il prossimo biennio 2020-2021. Un tema che concretizza ancora una volta l’impegno dell’agenzia delle Nazioni Unite a perseguire...

    18-10-2019
  • Cerali, a settembre prezzi stabili. Cresce la stima della produzione di mais negli Usa

    A settembre i prezzi delle materie prime si sono mantenuti stabili. Il valore dell’Indice Fao dei Prezzi è stato pari a 170 punti, invariato quindi rispetto allo scorso mese di agosto ma superiore del 3,3% su base tendenziale. Considerando i vari...

    05-10-2019