• Ogm, USDA esclude dall'elenco gli organismi geneticamente ottimizzati

    Print

    I colossi del settore sperano di mettere un punto al dibattito sul tema

    Ogm crispr cas9

    Le piante il cui patrimonio genetico è stato modificato con il sistema CRISPR/Cas9, portato sotto alle luci dei riflettori dalla possibilità di correggere singole lettere del DNA di un organismo, devono essere considerate organismi geneticamente modificati (ogm)? Secondo il Dipartimento dell’Agricoltura statunitense (USDA), la risposta potrebbe essere negativa. Questo sistema utilizza infatti un enzima del tutto naturale per modificare il DNA senza introdurre nessuna sequenza genetica proveniente da altri organismi. Per questo motivo l’USDA ha deciso di non considerare ogm le piante create DuPont e da Caribou Biosciences utilizzando proprio CRISPR.

     

    Sfruttare CRISPR permette infatti di ottenere organismi ‘geneticamente ottimizzati’ piuttosto che ‘geneticamente modificati’, proprio perché al loro interno non vi è alcun DNA estraneo. In questo modo si spera - o almeno lo fanno i colossi Monsanto e DuPont - di mettere un punto a un’ormai lunga controversia.

     

    Ad offrire un esempio di ciò che è possibile fare utilizzando il sistema CRISPR/Cas9 è il caso dei funghi che non diventano più scuri nel momento in cui vengono lasciati ad essiccare all’aria, messi a punto dal ricercatore della Penn State University (Stati Uniti) Yinong Yang. Nel fungo geneticamente ottimizzato sono state eliminate piccole porzioni di un gene specifico senza introdurre nel suo genoma nessun DNA estraneo. “Per questo - ha spiegato Yang - abbiamo pensato che sulla base della definizione descritta nelle normative non ci fosse una base scientifica valida per concludere che il fungo modificato con CRISPR fosse soggetto a regolamenti”.

     

    In effetti l’USDA ha confermato che il fungo in questione non è soggetto alla sua approvazione. Tuttavia, lo stesso USDA ha comunicato a Yang che potrebbe essere soggetto al vaglio di altre autorità, come la Food and Drug Administration (FDA) e l’Agenzia per la Protezione dell’Ambiente (EPA). Forse potrebbe quindi essere troppo presto per considerare chiuso il dibattito, ma i colossi del settore sembrano ottimisti, tanto che Monsanto ha già siglato un accordo per l’autorizzazione all’uso in agricoltura del sistema CRISPR/Cas9 con il Broad Institute del Massachusetts Institute of Technology (MIT) e di Harvard.

     

    Foto: © Alex011973 - Fotolia.com

    Silvia Soligon 17-10-2016 Tag: ogmorganismi geneticamente ottimizzatiUSDAMonsantodupontCrisprcas9
Articoli correlati
  • Usa, le nuove stime di settembre riducono la produzione di mais e soia

    Leggera rivalutazione al ribasso della produzione di mais e soia negli Stati Uniti. Ciononostante il livello resta superiore a quello stimato per la stagione precedente. In crescita la produzione di soia a livello mondiale, sempre rispetto al 2019/20. Nel report...

    22-09-2020
  • Ogm, dal ministero della Salute il nuovo piano per i controlli negli alimenti

    Il ministero della Salute ha diffuso il nuovo piano di controllo sulla presenza di Ogm negli alimenti. Adottato con l’obiettivo di garantire la corretta attuazione della normativa Ue in materia e di uniformare le attività sul territorio nazionale,...

    22-08-2020
  • Mais, negli Stati Uniti attesa produzione massima degli ultimi trent'anni

    Previsioni ottimistiche per la produzione di mais negli Stati Uniti. Nella prossima stagione cerealicola si stima un livello di 16 miliardi di bushel, il più alto da trent’anni a questa parte. Incoraggianti le stime anche per i principali indicatori...

    26-05-2020
  • Stati Uniti, cresce la domanda di mais per mangimi

    Più mais e frumento destinati alla nutrizione animale, con una riduzione delle scorte finali, e maggiore produzione di soia. Il Dipartimento per l’Agricoltura degli Stati Uniti ha aggiornato le previsioni relative alla domanda e offerta delle...

    04-02-2020
  • Stati Uniti, in aumento la produzione zootecnica

    Stime positive per la zootecnia statunitense. Secondo il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti il numero di animali in produzione (indicati dall’unità di misura Gcau - Grain-consuming animal units) è stato incrementato di 0,24...

    04-02-2020