• Più vitamine nel mais: finanziato nuovo progetto di ricerca statunitense

    Print

    Dalla NSF quasi 4 milioni di euro per studiare i geni di una delle piante più coltivate al mondo

    Mais vitamine

    La National Science Foundation statunitense (NSF) ha deciso di finanziare con 4,4 milioni di dollari (quasi 4 milioni di euro) le ricerche di un gruppo di esperti della Michigan State University di East Lansing (Stati Uniti) che intende identificare i geni di mais che potrebbero aiutare a sviluppare nuove varietà più nutrienti di questo cereale. Il progetto, guidato dal biochimico Dean DellaPenna, si concentrerà in particolare sui geni che cooperano nel determinare i livelli di 5 vitamine nel seme del mais: la vitamina E, la tiamina, la riboflavina, la niacina e la piridossina. I suoi risultati potrebbero avere significative ripercussioni sul futuro della produzione di questo cereale, che rappresenta la seconda coltivazione più diffusa in tutto il mondo.

    I ricercatori utilizzeranno approcci simili a quelli utilizzati in passato per portare a termine il Progetto Genoma Umano per identificare varianti dei geni di interesse e capire come combinarle per ottenere un accumulo elevato dei nutrienti studiati nel seme. La speranza è di arrivare a influenzare positivamente l’alimentazione e la salute di chi è esposto al rischio di carenze vitaminiche. Come ha infatti spiegato Robin Buell, coresponsabile del progetto, “le piante sono fonti fondamentali di vitamine di origine alimentare. Migliorare la diversità e i livelli di vitamine in una coltura importante come il mais rappresenta una strategia per ridurre le malattie causate dalle carenze vitaminiche, condizioni che colpiscono miliardi di persone nel mondo”.

    I ricercatori mirano anche a fornire un esempio che possa essere applicato anche ad altre colture, in modo da consentire miglioramenti che portino alla produzione di alimenti più nutrienti in tutto il mondo.

     

    Foto: © tycoon101 - Fotolia.com

    Silvia Soligon 12-10-2016 Tag: ricercagenivitaminemaisansf
Articoli correlati
  • Più forti con gli alimenti giusti

    Dal momento della nascita, il nostro organismo è bombardato da agenti patogeni, il cui unico scopo è quello di vivere e replicarsi in un ambiente accogliente, caldo, umido e ricco di nutrienti. Non tutti i microrganismi sono dannosi, per esempio...

    25-10-2020
  • Assalzoo, Nobel a Charpentier e Doudna apertura a futuro della ricerca in ingegneria genetica

    Il conferimento del Premio Nobel per la Chimica a Emmanuelle Charpentier e Jennifer A. Doudna da parte dell’Accademia reale svedese delle Scienze dimostra – se ce ne fosse ancora bisogno – l’importanza dell’editing genetico. Le due...

    12-10-2020
  • L’innovazione tecnologica per un settore agroalimentare più sostenibile

    Una delle maggiori sfide che l’economia mondiale ha davanti a sè è quella di realizzare un sistema agroalimentare in grado di garantire a una popolazione crescente adeguate quantità di cibo. Non, però, semplicemente più...

    25-09-2020
  • Scienza, Ricerca e Sviluppo per il progresso dell’agricoltura

    Questa è la terza parte dell’approfondimento sul rapporto tra agricoltura e innovazione del professor Casati. Le precedenti sono state pubblicate sui numeri 5 e 6-Anno XI di Mangimi & Alimenti.  Agli effetti della generazione di...

    05-05-2020
  • L’antiscienza, un freno alla crescita del Paese

    Nel corso della storia il progresso scientifico si è spesso scontrato con un atteggiamento di ostilità. Questo scetticismo antiscientifico non solo non ha accolto le novità dei laboratori che hanno innovato processi e tecniche, come nel caso...

    08-04-2020