• Fao, malnutrizione e fame nel mondo in crescita

    Print

    Colpa di conflitti e cambiamenti climatici

    Mondo fame %c2%a9 thaut images   fotolia

    Dopo essere diminuita per oltre un decennio, la diffusione della fame nel mondo ha ricominciato a crescere: nel 2016 ha interessato circa 815 milioni di persone, 38 milioni di persone in più rispetto all'anno scorso, una quantità pari all'11% della popolazione mondiale. Lo evidenzia il rapporto “The State of Food Security and Nutrition in the World 2017” pubblicato dall’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao), dal Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (Ifad), dal Fondo delle Nazioni Unite per l'Infanzia (Unicef), dal Programma Alimentare Mondiale (WfpP) e dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms), secondo cui il riacutizzarsi della fame e di molte forme di malnutrizione sarebbe dovuto soprattutto alla proliferazione di conflitti violenti e ai cambiamenti climatici, che mettono a rischio la sicurezza alimentare in molte zone del pianeta.

    L’indagine rileva che circa 155 milioni di bambini di età inferiore ai cinque anni sono sottosviluppati (risultano troppo bassi per la loro età), 52 milioni soffrono di deperimento cronico (il loro peso non è adeguato rispetto alla loro altezza), mentre circa 41 milioni sono in sovrappeso. Sono fonte di preoccupazione anche la diffusione dell'anemia tra la popolazione femminile in età riproduttiva – che riguarda 613 milioni di donne, circa il 33% del totale – e dell'obesità degli adulti - un fenomeno che interessa 641 milioni di persone, il 13% di tutti gli adulti del pianeta. Tutte queste tendenze, secondo gli esperti, rappresentano una conseguenza non solo dei conflitti e del cambiamento climatico, ma anche dei grandi mutamenti nelle abitudini alimentari e dei rallentamenti economici.

    Nelle situazioni di conflitto aggravate da condizioni di fragilità istituzionale e ambientale, la prevalenza della fame e della malnutrizione è superiore di 11-18 punti percentuali. Le persone che vivono nei paesi colpiti da una crisi prolungata hanno quasi 2,5 volte maggiori probabilità di essere malnutrite delle persone che vivono altrove. “Nel corso degli ultimi dieci anni i conflitti sono aumentati drasticamente e sono diventati più complessi e di difficile risoluzione – scrivono gli autori del rapporto -. Questo è un campanello d'allarme che non possiamo permetterci d’ignorare: non porremo fine alla fame e a tutte le forme di malnutrizione entro il 2030 se non affrontiamo tutti i fattori che minano la sicurezza alimentare e la nutrizione. A tal fine assicurare società pacifiche e inclusive è una condizione necessaria”.

    Foto: © Thaut Images - Fotolia

    red. 26-09-2017 Tag: malnutrizionefamesicurezza alimentarefao
Articoli correlati
  • Sicurezza alimentare, l'impegno Fao per il 2030

    L’Obiettivo numero due dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo sostenibile richiede di “porre fine alla fame, raggiungere la sicurezza alimentare, migliorare la nutrizione e promuovere un’agricoltura sostenibile”. Uno degli attori titolati...

    06-11-2019
  • Micotossine negli alimenti, diminuisce il numero di non conformità

    Nel 2018 è diminuito il numero di campioni non conformi per la presenza di micotossine negli alimenti. Secondo i dati del Piano nazionale di controllo ufficiale delle micotossine lo scorso anno sono stati rilevati otto campioni non conformi mentre nel...

    02-11-2019
  • Fao e Ifif per la sostenibilità e sicurezza della catena feed&food

    La sostenibilità e la sicurezza del settore mangimistico e della zootecnia e della catena alimentare sono obiettivi condivisi dall’Ifif, la Federazione internazionale dell’Industria mangimistica, e dalla Fao. Le due organizzazioni sono reduci...

    25-10-2019
  • Ucraina, verso il record di produzione cerealicola

    Ottima performance per il settore cerealicolo in Ucraina. È atteso infatti un raccolto record di 71,8 milioni di tonnellate, con maggiori quantità di grano e di orzo, secondo i dati diffusi dal ministero dell’Agricoltura del Paese...

    24-10-2019
  • Fao: diete sane accessibili e stop allo spreco di cibo le priorità

    La promozione di diete sane e la lotta a qualsiasi forma di malnutrizione è il tema scelto dalla Fao per il prossimo biennio 2020-2021. Un tema che concretizza ancora una volta l’impegno dell’agenzia delle Nazioni Unite a perseguire...

    18-10-2019