• Fao: contro cambiamenti climatici occorre garantire salubrità del suolo

    Print
    Terra %c2%a9 andrey kuzmin   fotolia.com

    Migliorare la salute del suolo in tutto il mondo è essenziale per contrastare gli effetti dannosi dei cambiamenti climatici e per sconfiggere la fame. Lo ha affermato José Graziano da Silva, Direttore Generale dell’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao), in occasione del “World Congress of Soil Science”, che si è svolto dal 12 al 17 agosto a Rio de Janeiro (Brasile).

    L’esperto ha sottolineato che circa un terzo dei terreni del pianeta è degradato. “Il degrado del suolo influisce sulla produzione di cibo, causando fame e malnutrizione, amplificando la volatilità dei prezzi alimentari, costringendo milioni di persone ad abbandonare la terra e a emigrare contro la loro volontà, fino a ridurle in povertà - ha dichiarato il DG della Fao -. Anche se i terreni sono spesso nascosti e dimenticati, dipendiamo da essi per svolgere le nostre attività quotidiane e per il futuro del pianeta”.

    Nel rapporto: “The Status of the World's Soil Resources” la Fao ha identificato 10 principali minacce per la salute del suolo, tra cui lo squilibrio dei nutrienti, la perdita di carbonio e della biodiversità, l’erosione, l’acidificazione, la contaminazione, la salinizzazione e la compattazione del terreno. Allo stesso tempo, ha sottolineato l'importante ruolo che un suolo sano può svolgere nell’opera di mitigazione o di adattamento ai cambiamenti climatici.

    In particolare, il terreno può fungere da serbatoio di cattura e stoccaggio del carbonio. Inoltre, può agire da filtro per i contaminanti, impedendone l’ingresso nella catena alimentare e ostacolandone l’accesso alle risorse idriche come fiumi, laghi, mari e oceani. “Facciamo in modo che i terreni costituiscano un veicolo di prosperità e di pace – ha concluso da Silva -, e mostriamo il contributo che il suolo può svolgere nel conseguimento degli Obiettivi di sviluppo sostenibile”.

    Foto: © Andrey Kuzmin - Fotolia.com

    redazione 27-09-2018 Tag: suolocambiamenti climaticifaocarbonio
Articoli correlati
  • Sicurezza alimentare, l'impegno Fao per il 2030

    L’Obiettivo numero due dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo sostenibile richiede di “porre fine alla fame, raggiungere la sicurezza alimentare, migliorare la nutrizione e promuovere un’agricoltura sostenibile”. Uno degli attori titolati...

    06-11-2019
  • Fao e Ifif per la sostenibilità e sicurezza della catena feed&food

    La sostenibilità e la sicurezza del settore mangimistico e della zootecnia e della catena alimentare sono obiettivi condivisi dall’Ifif, la Federazione internazionale dell’Industria mangimistica, e dalla Fao. Le due organizzazioni sono reduci...

    25-10-2019
  • Ucraina, verso il record di produzione cerealicola

    Ottima performance per il settore cerealicolo in Ucraina. È atteso infatti un raccolto record di 71,8 milioni di tonnellate, con maggiori quantità di grano e di orzo, secondo i dati diffusi dal ministero dell’Agricoltura del Paese...

    24-10-2019
  • Fao: diete sane accessibili e stop allo spreco di cibo le priorità

    La promozione di diete sane e la lotta a qualsiasi forma di malnutrizione è il tema scelto dalla Fao per il prossimo biennio 2020-2021. Un tema che concretizza ancora una volta l’impegno dell’agenzia delle Nazioni Unite a perseguire...

    18-10-2019
  • Efsa, aperta una consultazione pubblica sulla contaminazione da aflatossine

    C’è tempo fino al 15 novembre per inviare all’Efsa, l’Autorità europea per la Sicurezza alimentare, i commenti al parere scientifico sui rischi da contaminazione da aflatossine. Nel documento gli esperti hanno concluso che il...

    12-10-2019