• UE, nuovo metodo per misurare sprechi alimentari

    Print

    Consultazione pubblica aperta fino al 4 aprile

    Cibo alimenti verdure.jpg

    La Commissione Europea ha messo a punto una nuova metodologia per la misurazione degli sprechi alimentari in tutte le fasi della catena alimentare. Contemporaneamente alla pubblicazione del metodo, avvenuta l’8 marzo, ha avviato una consultazione aperta a tutti fino al 4 aprile, per consentire ai cittadini e a tutti gli operatori interessati di esprimere la propria opinione sull’iniziativa.

    La nuova metodologia fa parte del pacchetto sull'economia circolare e si prefigge di aiutare gli Stati membri a quantificare gli sprechi alimentari. È stata introdotta per favorire l’applicazione della nuova direttiva europea 2018/851 sui rifiuti pubblicata nel maggio 2018, che prevede che gli Stati membri debbano misurare con un metodo comune e su base annuale i progressi compiuti nella riduzione degli sprechi alimentari. Seguendo le nuove indicazioni, le nazioni europee potranno attuare programmi efficaci di prevenzione degli sprechi e aiutare l'Unione a raggiungere l'obiettivo di dimezzare i rifiuti alimentari entro il 2030.

    Il metodo per misurare i livelli di sprechi alimentari è frutto della collaborazione tra la Commissione Europea e gli esperti degli Stati membri. Inoltre, ha recepito diversi spunti provenienti dai rappresentanti del settore privato della catena alimentare che partecipano alla “EU Platform on food losses and food waste”.

    Foto: Pixabay

    redazione 15-03-2019 Tag: sprechi alimentariUEciboCommissione europea
Articoli correlati
  • Il polacco Janusz Wojciechowski è il nuovo commissario Ue all’Agricoltura

    Dalla Corte dei Conti europea alla Commissione. Janusz Wojciechowski è il nuovo commissario all’Agricoltura nella squadra di Ursula von der Leyen, il neo presidente eletto della Commissione europea. Classe 1954, polacco, Wojciechowski sostituisce...

    12-09-2019
  • Nuovi alimenti, il ruolo dell’Efsa per la sicurezza

    Ieri caffè, patate, pomodori, riso e mais. Oggi krill, semi di chia e frutto del baobab. Cos’hanno in comune? Sono stati o sono “nuovi alimenti”. I primi sono prodotti provenienti da continenti diversi, dalle Americhe all’Africa...

    11-09-2019
  • Ue al primo posto nel mondo per export agroalimentare

    Nonostante una leggerissima flessione, l’Unione europea mantiene il primato nel mercato mondiale delle esportazioni di prodotti agroalimentari. Il volume di merci esportate ha raggiunto il valore di 138 miliardi di € nel 2018 come riferisce la...

    08-09-2019
  • Fefac sostiene l’impegno della Commissione Ue sulla deforestazione

    I produttori mangimi, cereali e semi, alimenti proteici e oli vegetali in difesa delle foreste. Fefac, la Federazione europea dei Produttori di mangimi, Coceral, l’Associazione europea dei Produttori di cereali, riso, semi oleosi, olio d’oliva e oli,...

    29-07-2019
  • Come gestire una stalla da 20.000 Kg?

    Quando pensiamo al futuro della zootecnia da latte, immaginiamo stalle con performance medie per vacca ben lontane da quelle, pur ragguardevoli, ottenute attualmente. La media delle venti stalle più produttive d’Italia del 2018 è stata di...

    29-07-2019