• Scoperta genetica potrebbe migliorare qualità mais

    Print
    Mais pannocchie cereali   seeyou   c. steps   fotolia.com

    Una scoperta genetica potrebbe migliorare la qualità e la resa del mais. Lo rivela una ricerca pubblicata sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences dagli scienziati della Rutgers University di Piscataway (Usa) e dell’Institute of plant physiology & ecology di Shanghai (Cina), che hanno identificato i regolatori genetici che sintetizzano l'amido e le proteine all’interno dell'endosperma del cereale.

    Gli autori precisano che con il passare del tempo la coltivazione del cereale ha gradualmente aumentato il contenuto di amido nel mais, riducendo l'accumulo di proteine all’interno dell’endosperma - il tessuto vegetale che circonda l'embrione all'interno del seme, contenente amido, oli e proteine. In particolare, sottolineano che una proteina fondamentale presente nei chicchi di mais, chiamata zeina, risulta priva di lisina, un amminoacido essenziale e componente elementare delle proteine.

    A causa di questa carenza, il mais che viene prodotto oggi contiene livelli di lisina troppo bassi per soddisfare le esigenze della popolazione mondiale in rapida crescita. Per questo motivo, genetisti molecolari e coltivatori di mais stanno cercando di ridurre drasticamente i livelli di zeina, in modo da migliorare la qualità dei nutrienti del mais.

    Nel corso dell’indagine, gli studiosi hanno scoperto che l'amido e le proteine sono sintetizzati simultaneamente nell'endosperma. Inoltre, hanno identificato due fattori di trascrizione che giocano un ruolo fondamentale nella regolazione della sintesi dell’amido e delle proteine. La scoperta, spiegano, potrebbe consentire di migliorare l'equilibrio, a livello molecolare, tra la qualità dei nutrienti e la resa del mais. “Abbiamo individuato un nuovo approccio – dichiara Zhiyong Zhang, che ha diretto lo studio - che permetterà di scoprire nuovi regolatori nella sintesi dell’amido e delle proteine, che determinano la resa e la qualità del cereale”.

    Foto: © seeyou_c. steps - Fotolia

    red. 28-05-2019 Tag: maisricerca geneticaresaqualitàagricoltura
Articoli correlati
  • Agricoltura, scende la fiducia degli operatori. Produzione industriale a +2,5%

    La situazione internazionale pesa sul giudizio degli agricoltori italiani. Nel terzo trimestre 2019 è diminuito sia l’indice del clima di fiducia degli agricoltori che quello dell’industria alimentare. Inoltre l’Istat prevede un calo...

    10-11-2019
  • Ismea, stoccaggio punto debole della filiera cerealicola

    I centri di stoccaggio sono inadeguati ai bisogni della filiera cerealicola. Molti sono poco moderni, hanno una capacità oraria di lavorazione ridotta, una sola fossa di ricevimento e linee di carico che limitano lo stoccaggio differenziato per partite...

    07-11-2019
  • Sicurezza alimentare, l'impegno Fao per il 2030

    L’Obiettivo numero due dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo sostenibile richiede di “porre fine alla fame, raggiungere la sicurezza alimentare, migliorare la nutrizione e promuovere un’agricoltura sostenibile”. Uno degli attori titolati...

    06-11-2019
  • Ismea, sale il valore aggiunto in agricoltura. In aumento i prezzi dei capi da allevamento

    Più valore aggiunto per l’agricoltura, aumento della produzione alimentare, incremento dell’export agroalimentare anche se in frenata rispetto a inizio anno. Nel settore zootecnico salgono i listini degli animali da allevamento e le...

    31-10-2019
  • Agroalimentare, cresce l’export nel primo semestre

    Buona performance dell’industria alimentare sui mercati esteri, il traino dell’export agroalimentare italiano. Nel primo semestre del 2019 il comparto ha fatto registrare un aumento di quasi il 7% rispetto allo stesso periodo del 2018, con quasi 18...

    24-10-2019