• Il Brasile guadagna dagli ogm: i benefici del biotech sfiorano i 19 miliardi di dollari

    Print
    Ogm brasile

    Mentre in molte altre parti del mondo si continua a dibattere sull'opportunità di sfruttare i vantaggi offerti dalle piante geneticamente modificate, gli agricoltori brasiliani ne ricavano significativi benefici economici. A svelarlo è uno studio condotto da Celeres, compagnia di consulenza esperta nel settore agricolo, secondo cui l'introduzione degli ogm in Brasile ha aumentato fortemente la produttività riducendo, allo stesso tempo, i costi a carico degli agricoltori.

     

    Dal 1996, anno di introduzione della soia biotech sul suolo brasiliano, i benefici commerciali hanno raggiunto i 18,8 miliardi di dollari, il 51% dei quali derivano da un guadagno in termini di produttività. Prendendo come punto di riferimento la coltivazione del mais geneticamente modificato – che data alla stagione 2008-2009 – i benefici accumulati sfiorano i 15 miliardi. L'81% di questi guadagni finisce nelle casse degli agricoltori sotto forma di guadagni nella produzione e riduzione dei costi.

     

    Uno dei dati più interessanti emersi dall'analisi di Celeres è l'impennata registrata dai benefici economici negli ultimi 4 anni, ma guardando al futuro i dati appaiono ancora più entusiasmanti. La compagnia, prevede, infatti, che nei prossimi 10 anni le coltivazioni ogm frutterano al Brasile 118,2 miliardi di dollari in più rispetto all'agricoltura tradizionale. L'aumento della produttività sarà responsabile del 67% di questi benefici economici, ma gli agricoltori continueranno a giovarne anche in termini di riduzione dei costi, stimata intorno al 15% dei benefici economici totali.

    Silvia Soligon 19-03-2013 Tag: brasileogmbiotechsoiamaisbenefici economici
Articoli correlati