• Materie prime, prezzi congelati dal rallentamento Pil mondiale

    Print
    Frumento tenero

    Il rallentamento dei tassi di crescita mondiali del Pil rispetto è destinato a riflettersi su una dinamica più lenta dei prezzi delle commodities. Gli esperti di Goldman Sachs esprimono un rating neutrale sul settore delle materie prime alimentari, con un ritorno atteso nel breve termine dello 0,1% che sale all’1,6% in una prospettiva a 12 mesi. Per gli analisti prezzo del grano potrebbe tornare ad apprezzarsi nel secondo semestre del 2013 dopo il calo del 16% registrato nel quarto trimestre 2012, mentre il mais potrebbe avere quotazioni contrastate da una parte per effetto della domanda di biocarburanti e dall'altra per l'impossibilità di stabilire i volumi raccolti, condizionati dal meteo ancora incerto. I raccolti Usa e in Sud America, se si conserveranno le attuali condizioni meteo, potrebbero essere abbondanti e trascinare verso il basso i prezzi, fino a 525 cent per bushel nei prossimi tre mesi.

    21-05-2013 Tag: granomaisprezzimercato
Articoli correlati