Home Attualità Assalzoo: settant’anni di storia

Assalzoo: settant’anni di storia

938
0

Il 12 dicembre del 1945, in via S. Prospero n. 1, a Milano un gruppo di 24 imprenditori del settore mangimistico, molitorio e della spremitura di semi oleosi, costituirono, per la prima volta in Italia, l’Associazione di categoria che aveva il compito di rappresentare il settore mangimistico.

È nata così su iniziativa di questo gruppo costituente e di Giorgio Mortari – che ne è stato a lungo anche il Segretario Generale – l’Associazione Nazionale tra i Produttori di Alimenti Zootecnici – Assalzoo, una realtà associativa con lo specifico compito di tutelare i legittimi interessi delle aziende aderenti e di rappresentare a livello nazionale l’industria mangimistica italiana nei rapporti con le autorità, promuovendo e coordinando ogni iniziativa per la difesa e lo sviluppo di questo settore.

Da allora l’Associazione si è via via sviluppata, riscuotendo l’adesione di tutte le maggiori aziende che operavano nella produzione di alimenti per animali, assumendo il ruolo sempre più importante di interlocutore con le istituzioni e con le altre rappresentanze della filiera. E fu proprio grazie all’instancabile lavoro e all’iniziativa caparbia del suo Segretario Generale, Giorgio Mortari, che Assalzoo ottenne l’adozione della storica Legge n. 281 del 15 febbraio 1963, sulla “Disciplina della preparazione e del commercio dei mangimi“, che vide l’Italia – prima in Europa – dotarsi di una legge di importanza fondamentale e di riferimento assoluto, che ha rappresentato la pietra miliare della normativa di questo settore. Un provvedimento tanto innovativo e lungimirante da costituire un riferimento non solo a livello nazionale ma anche europeo.

L’attività di Assalzoo ha contribuito in modo determinante al continuo sviluppo nella produzione di mangimi, affiancando le aziende e promuovendo, già oltre sessanta anni fa, sia la ricerca scientifica, sia la formazione con la promozione di corsi di aggiornamento tecnico e normativo, contribuendo così alla sorprendente crescita di un settore che ha costituito la leva sulla quale si è potuta sviluppare la zootecnia italiana sui livelli che oggi tutti conosciamo.

Nei settanta anni di storia si è assistito a un vero e proprio miracolo industriale, con la produzione di mangimi che è passata da poche decine di migliaia di tonnellate del 1945 ad oltre 14 milioni di tonnellate dei nostri giorni, per assicurare l’alimentazione necessaria a soddisfare gli allevamenti nazionali delle varie specie animali: avicoli, bovini, suini, conigli, equini, ovini, pesci, senza trascurare anche gli animali da compagnia. Una crescita che non solo ha reso possibile lo sviluppo della zootecnia italiana ma che ha consentito di rendere accessibile a tutti l’approvvigionamento di prodotti di origine animale, (carni, latte e uova), una volta limitati solo ai più abbienti, consentendo così di elevare in modo sensibile il benessere generale.

Ma accanto allo sviluppo quantitativo, il progresso del settore mangimistico è stato considerevole soprattutto sotto il profilo qualitativo, garantendo ai prodotti alimentari di origine animale standard di sicurezza sempre più elevati fin dal primo anello della filiera da cui derivano. L’impiego dei mangimi composti ha consentito di nutrire gli animali in modo sempre più efficiente e controllato, assicurando al contempo crescenti livelli di benessere e salute degli animali negli allevamenti. Non va poi dimenticato che la mangimistica svolge un importante ruolo anche nella sostenibilità della zootecnia, con una alimentazione mirata ed equilibrata che accresce l’efficienza degli animali e con notevoli vantaggi in termini ambientali, economici e di prevenzione degli sprechi alimentari, attraverso l’impiego anche di molte materie prime derivanti da altri cicli delle lavorazioni alimentari.

Di pari passo con la crescita del settore anche Assalzoo si è via via sempre più strutturata aderendo a livello nazionale a Federalimentare e Confindustria e a livello europeo a FEFAC (Federazione Europea dell’Industria degli Alimenti Composti per Animali).

Oggi l’Associazione rappresenta oltre il 70% della produzione industriale di alimenti zootecnici e fornisce assistenza alle aziende associate svolgendo molteplici attività a tutela e sostegno dei produttori di mangimi semplici, di mangimi composti, di mangimi medicati, di pet-food, di premiscele per mangimi e di premiscele medicate.

 

Giulio Gavino Usai