Home Attualità Acquacoltura, la spirale dei prezzi è in salita

Acquacoltura, la spirale dei prezzi è in salita

336
0

Rabobank rimane ottimista sulle prospettive a lungo termine per l’industria dei gamberetti, ma gli analisti si aspettano sfide per il settore a breve termine. La banca ha recentemente pubblicato una previsione per il mercato globale dell’acquacoltura per la seconda metà del 2022. La notizia è stata ripresa dal sito Feednavigator.com.

I prezzi dei gamberetti hanno registrato una tendenza al ribasso da marzo di quest’anno e si prevede che gli alti costi di mangimi, merci ed energia rimarranno nell’ultima fine del 2022, hanno affermato gli analisti.

Gli Stati Uniti e l’UE hanno guidato la domanda di gamberetti nel 2021 e nella prima parte del 2022, osserva il team di Rabobank. “Ma è probabile che questa crescita della domanda si raffreddi, poiché l’inflazione ha ridotto il reddito disponibile nella seconda metà del 2022. La domanda di gamberetti in Cina è difficile da prevedere. Le importazioni di gamberetti sono notevolmente migliorate, ma sono ancora al di sotto dei livelli pre-pandemia, suggerendo un notevole rialzo. Tuttavia, i fattori limitanti chiave dei blocchi Covid e delle restrizioni alle importazioni rimangono imprevedibili”.

L’Indonesia, il Vietnam e soprattutto l’Ecuador sembrano ancora essere su un percorso di crescita. Anche se i prezzi del 2022 si sono corretti e i costi sono aumentati, hanno riferito gli specialisti del mercato dell’acquacoltura. “I gamberetti che saranno raccolti nella seconda metà del 2022 sono stati collocati negli stagni durante il primo semestre, molto probabilmente con l’aspettativa che i prezzi sarebbero stati buoni, suggerendo che la reazione del settore alle condizioni del mercato sarà ritardata”. ​

Il mercato del salmone si normalizza

Guardando al mercato del salmone d’allevamento, Rabobank stima che dopo una prima metà dell’anno da record, caratterizzata da un’elevata domanda e da una grave carenza di salmone, il settore inizierà a normalizzarsi nella seconda metà del 2022.

“L’offerta sia in Norvegia che in Cile migliorerà. Nel frattempo, la domanda di servizi di ristorazione nell’UE e negli Stati Uniti potrebbe raffreddarsi. Tuttavia, l’industria del salmone rimane in un periodo di forte domanda e offerta relativamente debole, anche se ha ben oltre il picco dei prezzi”.

Previsione stabile dell’offerta di farina di pesce

In termini di sviluppo delle materie prime per mangimi, e in particolare del mercato della farina di pesce, il rapporto Rabobank ha rilevato che le condizioni meteorologiche che prendono il nome di La Niña hanno consentito una quota elevata di prodotto in Perù per la prima stagione del 2022. Tuttavia per gli analisti sarà improbabile che tutto il pesce venga catturato.

Una buona pesca nell’emisfero settentrionale durante tutto l’anno, soprattutto grazie a una buona cattura  i capelin islandese, significherà un approvvigionamento di farina di pesce relativamente stabile a livello globale.

“In questo mercato, i prezzi elevati delle proteine ​​dei mangimi alternativi come la farina di soia sono il fattore chiave del prezzo. Attualmente, c’è ancora più rialzo per i prezzi della farina di pesce”.

Tutte le proteine ​​e gli oli vegetali, sostituti della farina di pesce e dell’olio di pesce, sono a prezzi record. I prezzi elevati di pesce e suinetti in Cina potrebbero essere un fattore trainante della domanda di farina di pesce poiché gli allevatori sono meno preoccupati per i costi e si concentrano sulla qualità del mangime, ha concluso il team.

Foto: fonte Pixabay.it.