Home Attualità Le conseguenza ignorate di un’Europa senza allevamenti

Le conseguenza ignorate di un’Europa senza allevamenti

602
0

Non è un mondo migliore quello con le stalle vuote. L’Europa senza gli allevamenti perderebbe la sua bioeconomia circolare e le campagne diventerebbero più povere. L’avvertimento arriva da European livestock voice, gruppo che riunisce a livello europeo associazioni che si occupano di allevamento, salute e nutrizione animale, preoccupato per le posizioni sempre più radicali nei confronti del settore. Secondo European livestock voice una parte della popolazione europea vorrebbe vedere un mondo “libero dalla produzione animale” ma questo, ricordano, “porterebbe diverse conseguenze che spesso vengono ignorate”.

L’Europa perderebbe un tassello della sua bioeconomia circolare

In una bioeconomia circolare globale il bestiame ha molti ruoli preziosi che scomparirebbero in un mondo senza allevamenti. Valorizzando i sottoprodotti della catena alimentare, gli animali contribuiscono a un’agricoltura più efficiente. Gli animali riciclano risorse come erba, paglia e crusca che non sono commestibili per le persone. Se non consumati dal bestiame, questi residui e sottoprodotti potrebbero rapidamente diventare un onere ambientale con l’aumentare della domanda umana di alimenti trasformati. Il riciclaggio di pelli o pelli di animali in pelle fornisce anche alle nostre società materiale bello e durevole con proprietà uniche che servono alla produzione di calzature, abbigliamento, arredamento per la casa, sedili e interni per auto, strumenti musicali e molti altri prodotti di consumo alla base della tradizione culturale di molti Paesi europei. La pelle, ad esempio, è probabilmente il primo prodotto di economia circolare della storia.

Il bestiame regola anche i cicli ecologici, chiude il ciclo dei nutrienti e migliora la fertilità del suolo. Gli allevamenti contribuiscono al “sequestro del carbonio” riciclando il letame come biorisorsa e utilizzando le praterie inadatte alle colture. Nelle aree a coltura mista e allevamento, le rotazioni dei prati hanno anche la funzione di interrompere il ciclo dei parassiti delle colture consentendo agli agricoltori di ridurre l’uso di pesticidi. In un mondo senza bestiame, l’aumento della domanda di produzione a base vegetale comporterebbe un’intensificazione dell’uso dei terreni agricoli, un aumento dei terreni agricoli necessari per la produzione alimentare, la perdita di biodiversità e l’abbandono di terre non adatte alle colture o alle produzioni proteiche come le regioni montuose.

L’Europa rurale si impoverirà

Oggi il bestiame è una componente cruciale dell’Europa rurale. Secondo i contesti economici, geografici e sociologici locali, il bestiame è presente in quasi tutte le regioni d’Europa in un’ampia varietà di sistemi di produzione. Il settore dell’allevamento contribuisce in modo sostanziale all’economia europea (168 miliardi di euro all’anno, il 45% dell’attività agricola totale), crea posti di lavoro diretti per 4 milioni di persone e sostiene indirettamente il lavoro di 30 milioni di persone.

Dietro ogni allevamento nelle zone rurali vengono mantenuti sette posti di lavoro. Senza bestiame l’esodo dalle campagne aumenterà, creando ulteriore pressione nelle città e una disconnessione più significativa con la natura e il patrimonio culturale. Il primo impatto critico della riduzione degli allevamenti sarà l’indebolimento del tessuto rurale.

L’allevamento come patrimonio culturale europeo

Le attività di allevamento sono profondamente radicate nelle tradizioni rurali europee. Sono presenti in quasi tutte le zone rurali d’Europa, proponendo un’ampia diversità di sistemi di produzione a seconda dei contesti locali e geografici. La produzione alimentare e animale è anche il principale contributo delle zone rurali alla bilancia commerciale dell’Unione europea. L’Ue è generalmente autosufficiente per quanto riguarda i prodotti animali che vende sui mercati mondiali (19,5 miliardi di euro di export). È un esportatore netto di carne suina, latticini, carne avicola e uova. In un contesto internazionale più complesso il mantenimento di un settore zootecnico dinamico avvantaggia le aree rurali europee e tutta l’Europa.

Oggi quasi tre quarti della popolazione europea vive nelle aree urbane. Entro il 2050 si ritiene che l’80% degli europei vivrà in città, rendendo l’Europa l’area continentale più urbanizzata del mondo insieme al Nord America. Tra i tanti motivi che continuano a spingere l’esodo delle comunità rurali verso le città si osserva un chiaro legame con il livello di reddito più elevato. Una riduzione del settore zootecnico potrebbe aumentare direttamente questa tendenza all’urbanizzazione.