Home Attualità Raccolto 2013, boom di micotossinein mais e frumento

Raccolto 2013, boom di micotossinein mais e frumento

198
0
mais

Il raccolto di mais e frumento del 2013 è stato duramente colpito dalla contaminazione da micotossine: è quanto emerge da uno studio condotto da Alltech, azienda  leader mondiale nella nutrizione animale, i cui risultati sono stati descritti in un articolo pubblicato sulla rivista AllAboutFeed, secondo cui il 99% dei raccolti esaminati sono risultati contaminati da micotossine e l’83% da micotossine multiple

 

L’indagine ha valutato campioni di colture di grano e mais di 14 paesi europei, oltre ad altri campioni prelevati dai raccolti statunitensi e canadesi. L’azienda ha analizzato in tutto 83 campioni di grano e 24 campioni di mais per scovare la presenza di 38 micotossine. Come spiega Nick Adams, direttore vendite della Alltech, “il messaggio da portare a casa è che il 99 % dei campioni esaminati conteneva micotossine e l’83% di tali campioni conteneva più micotossine”. E mentre i dati emersi in alcune aree sono risultati simili a quelli dello scorso anno, in altre regioni la situazione è invece peggiorata.

 

Diverse sono le motivazioni che possono essere alla base dell’aumento dei livelli di muffe e micotossine, spiegano i ricercatori, “dalla varietà del seme alle pratiche di aratura, passando per le variazioni climatiche come la temperatura e il livello di precipitazioni”. L’impatto di questa contaminazione sulla salute animale dovrà essere attentamente monitorato: secondo gli autori dello studio, infatti, le micotossine presenti nelle sementi e di conseguenza nei mangimi che da queste derivano potrebbero comportare diversi disturbi, tra cui problematiche intestinali di vario tipo, inappetenza, scarsa crescita ponderale, abbassamento delle difese immunitarie.

 Foto: Pixabay

m.c.