Home Attualità FAO, prezzi alimentari in calo nell’indice di gennaio 2024

FAO, prezzi alimentari in calo nell’indice di gennaio 2024

802
0
indice dei prezzi pixabay

Secondo quanto riportato il 2 febbraio dalla Food and Agriculture Organization delle Nazioni Unite (FAO), l’Indice dei Prezzi Alimentari ha registrato una leggera diminuzione a gennaio, trainato dal calo dei prezzi dei cereali e della carne, che ha più che compensato l’aumento dei prezzi dello zucchero.

L’Indice FAO, che monitora le variazioni mensili dei prezzi internazionali di un insieme di commodity alimentari scambiate a livello globale, è sceso a 118 punti a gennaio, l’1% in meno rispetto a dicembre e il 10,4% in meno rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

L’Indice è diminuito del 2,2% rispetto a dicembre: i prezzi mondiali delle esportazioni di grano hanno registrato una diminuzione a gennaio a causa della forte concorrenza tra gli esportatori e dell’arrivo delle recenti forniture raccolte nei paesi dell’emisfero meridionale, mentre quelli del mais sono diminuiti nettamente, riflettendo un miglioramento delle condizioni delle colture e l’inizio del raccolto in Argentina e una maggiore disponibilità negli Stati Uniti d’America. Al contrario, le quotazioni dei prezzi del riso sono aumentate dell’1,2% a gennaio, riflettendo una forte domanda di esportazione per riso Indica di alta qualità proveniente dalla Thailandia e dal Pakistan e acquisti aggiuntivi da parte dell’Indonesia.

L’Indice dei Prezzi degli oli vegetali è aumentato marginalmente, dello 0,1% rispetto a dicembre, ma rimaneva comunque il 12,8% più basso rispetto all’anno scorso, riflettendo aumenti moderati nei prezzi internazionali dell’olio di palma e di semi di girasole che compensano le diminuzioni nei prezzi degli oli di soia e di colza. I prezzi mondiali dell’olio di palma sono stati influenzati dalla produzione stagionalmente inferiore nei principali paesi produttori e dalle preoccupazioni per le condizioni meteorologiche sfavorevoli in Malaysia. Nel frattempo, una maggiore domanda di importazione ha leggermente aumentato i prezzi dell’olio di semi di girasole. Al contrario, i prezzi internazionali dell’olio di soia e di colza sono diminuiti a causa delle prospettive di ampie forniture dall’America del Sud e delle ampie disponibilità persistente in Europa, rispettivamente.

L’Indice dei Prezzi dei latticini è rimasto praticamente invariato rispetto al suo valore rivisto di dicembre, stando al 17,8% al di sotto del valore dell’anno precedente. A gennaio, le quotazioni internazionali dei prezzi del burro e della polvere intera di latte sono aumentate principalmente a causa di una maggiore domanda da parte degli acquirenti asiatici, compensando quasi completamente le diminuzioni per la polvere di latte scremato e il formaggio.

L’Indice dei Prezzi della carne è diminuito per il settimo mese consecutivo dello 1,4% rispetto a dicembre, poiché le abbondanti forniture dai principali paesi esportatori hanno ridotto i prezzi internazionali delle carni avicole, bovine e suine. Al contrario, i prezzi internazionali della carne ovina sono aumentati a causa dell’alta domanda di importazioni globali e della riduzione delle forniture di animali da macello in Oceania.

L’Indice dei Prezzi dello zucchero della FAO a gennaio è aumentato dello 0,8% rispetto al mese precedente, sostenuto dalle preoccupazioni per l’impatto probabile delle piogge al di sotto della media in Brasile sulle colture di canna da zucchero da raccogliere da aprile, unitamente alle prospettive di produzione sfavorevoli in Thailandia e India.