Home Economia FAO, prezzi delle materie prime alimentari in lieve aumento

FAO, prezzi delle materie prime alimentari in lieve aumento

491
0
indice dei prezzi pixabay

L’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura (FAO) ha riferito i primi di agosto, in una nota ufficiale, che i prezzi globali delle materie prime alimentari sono aumentati nel mese di luglio, influenzati dalla conclusione dell’Iniziativa per il Grano del Mar Nero e dalle nuove restrizioni commerciali sul riso. L’Indice dei Prezzi Alimentari FAO, che tiene traccia delle variazioni mensili dei prezzi internazionali delle materie prime alimentari scambiate globalmente, ha raggiunto una media di 123,9 punti a luglio, in aumento del 1,3% rispetto al mese precedente ma ancora in calo dell’11,8% rispetto a luglio 2022.

L’aumento è stato guidato da un netto incremento dell’Indice dei Prezzi degli Oli Vegetali FAO, salito del 12,1% rispetto a giugno dopo sette mesi di cali consecutivi. I prezzi internazionali dell’olio di semi di girasole sono cresciuti di oltre il 15% nel mese, principalmente a causa delle incertezze sulle forniture esportabili dopo la decisione della Federazione Russa di porre fine all’accordo per il grano del Mar Nero. I prezzi mondiali degli oli di palma, soia e colza sono aumentati a causa delle preoccupazioni sulle prospettive di produzione nei principali paesi produttori.

L’Indice dei Prezzi dei Cereali FAO è diminuito dello 0,5% rispetto a giugno, trainato da un calo del 4,8% nelle quotazioni internazionali dei cereali grossolani a causa dell’aumento delle forniture stagionali di mais nei raccolti in corso in Argentina e Brasile e della produzione potenzialmente superiore alle aspettative negli Stati Uniti d’America. Tuttavia i prezzi internazionali del grano sono aumentati del 1,6%, segnando il loro primo aumento mensile in nove mesi, a causa dell’incertezza sulle esportazioni dall’Ucraina e delle continue condizioni di siccità in America del Nord.

L’Indice dei Prezzi del Riso FAO è aumentato del 2,8% nel mese e del 19,7% nell’anno, raggiungendo il suo livello nominale più alto dal settembre 2011. La FAO ha avvertito che questo aumento dei prezzi del riso “solleva gravi preoccupazioni sulla sicurezza alimentare per una grande parte della popolazione mondiale, soprattutto per coloro che sono più poveri e che dedicano una parte maggiore dei loro redditi all’acquisto di cibo”.

L’Indice dei Prezzi dello Zucchero FAO è diminuito del 3,9% a causa dei buoni progressi nel raccolto della canna da zucchero in Brasile e delle piogge migliorate nella maggior parte delle aree di coltivazione in India. Anche la domanda contenuta da Indonesia e Cina, i principali importatori mondiali di zucchero, ha influenzato le quotazioni. Tuttavia le persistenti preoccupazioni sull’impatto potenziale del fenomeno El Niño sulle coltivazioni di canna da zucchero, insieme all’aumento dei prezzi internazionali del petrolio greggio, hanno mitigato il calo.

L’Indice dei Prezzi dei Prodotti Lattiero-Caseari FAO è diminuito dello 0,4% a luglio, attestandosi al 20,6% in meno rispetto al suo valore di luglio 2022. I prezzi mondiali dei formaggi si sono ripresi leggermente dopo forti cali recenti, a causa dell’impatto del caldo sulle forniture stagionalmente in calo in Europa.

L’Indice dei Prezzi delle Carni FAO è diminuito dello 0,3% rispetto a giugno. Le quotazioni delle carni bovine, ovine e avicole sono diminuite a causa delle solide disponibilità di approvvigionamento e, in alcuni casi, della minore domanda dei principali importatori. Al contrario, i prezzi della carne suina sono aumentati, riflettendo l’alta domanda stagionale insieme alle forniture ancora limitate dall’Europa occidentale e dagli Stati Uniti d’America.