Home Attualità Fertilizzanti, su Faostat un nuovo strumento per calcolare i nutrienti nel terreno

Fertilizzanti, su Faostat un nuovo strumento per calcolare i nutrienti nel terreno

602
0
acqua_Pixabay

Quanto fertilizzante è la quantità giusta per garantire una produzione agricola sostenibile per il terreno: la risposta arriva dall’aggiornamento del database di Faostat, il più grande portale mondiale di statistiche sull’alimentazione e l’agricoltura dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (Fao). Una migliore comprensione dei bilanci dei nutrienti dei terreni coltivati ​​può aiutare gli agricoltori e i responsabili politici a identificare e valutare meglio le pratiche verso un’agricoltura più sostenibile.

Il Cropland Nutrient Budget di Faostat, ovvero il Bilancio dei nutrienti dei terreni coltivati, consente ai Paesi e a tutte le parti interessate nei sistemi agroalimentari mondiali di esaminare i flussi di azoto, fosforo e potassio, i tre principali macronutrienti vegetali necessari alle colture per prosperare.

Come funziona

La Fao prende i dati di base sulla produzione agricola e zootecnica forniti dai Paesi come parte dei loro obblighi di rendicontazione internazionale e li integra con metodi e modelli forniti dai partner scientifici di questo progetto per generare un insieme comune di dati di riferimento aggiornato annualmente. I dati Faostat, spiega Francesco Tubiello esperto di statistica della Fao, rappresentano un solido strumento per aiutare a districarsi tra le difficili questioni di sostenibilità come i flussi di nutrienti a livello nazionale, regionale e globale.

Il Cropland Nutrient Budget calcola le quantità di fertilizzanti minerali, chimici e di letame applicati ai terreni coltivati ​​insieme alla fissazione biologica dell’azoto (i legumi sono grandi fissatori di azoto) e alla deposizione atmosferica. A questo sottrae il deflusso dei nutrienti associati ai raccolti.

I carichi eccessivi di nutrienti nel suolo presentano rischi ambientali come la contaminazione delle fonti idriche e la volatilizzazione sotto forma di emissioni di gas serra. Dall’altra parte carichi di nutrienti insufficienti sono spesso associati a rese delle colture inferiori e a un impoverimento dei nutrienti del suolo.

I budget possono anche essere trasformati in tassi di efficienza, che è una misura di quanto bene le colture utilizzano i nutrienti disponibili. Tuttavia i dati mostrano che i risultati riflettono problemi di fondo che devono essere gestiti con cura. Tassi di efficienza d’uso apparentemente molto alti, ad esempio, possono in realtà indicare l’estrazione di nutrienti dal suolo: una situazione insostenibile che finirà per impoverire le prospettive di produzione futura.

Alcuni dati su nutrienti e fertilizzanti

A livello globale nel 2020 85 milioni di tonnellate di azoto, 7 milioni di tonnellate di fosforo e 12 milioni di tonnellate di potassio sono state distribuite sui terreni coltivati quadruplicando dal 1961, con una quota in aumento forniti da fertilizzanti sintetici. Azoto, fosforo e potassio sono distribuiti rispettivamente a tassi medi di 54, 4 e 7 chilogrammi per ettaro. Rispetto agli anni ’60, questi tassi di applicazione rappresentano un aumento di 3,4 volte per l’azoto, stabilità per il fosforo e un calo del 36% per il potassio. I tassi di efficienza per tutti e tre sono aumentati negli ultimi decenni e sono stati in media tra il 50 e il 62%.

I valori dell’efficienza nell’uso dell’azoto in Africa indicano chiaramente che le pratiche agricole generalmente estraggono i nutrienti naturali del suolo per la produzione agricola.

La Cina e l’India hanno alcuni dei più alti avanzi di bilancio di azoto al mondo, con tassi di efficienza inferiori alla media mondiale del 50%. Eccedenze molto inferiori sono state riscontrate in Brasile e negli Stati Uniti d’America, in parte a causa della coltivazione su larga scala della soia, che richiede minori input in quei Paesi a causa del naturale apporto biologico di azoto da questa coltura.

Alcuni paesi hanno eccedenze in un nutriente chiave e deficit significativi in ​​un altro, compresi i principali paesi agricoli come Argentina, Nigeria e Ucraina. Questo, spiega Nathan Wanner, statistico della Fao che ha contribuito alla costruzione del nuovo database, potrebbe suggerire strategie di riequilibrio basate sulla scelta delle colture e sulle priorità dei fertilizzanti.

Foto: fonte Pixabay