Home Attualità La crisi del pollo biologico negli Stati Uniti. Ecco le cause

La crisi del pollo biologico negli Stati Uniti. Ecco le cause

303
0
carni avicole_influenza aviaria

Negli Stati Uniti i prezzi della soia biologica utilizzata per nutrire il bestiame e produrre latte di soia sono aumentati fino a raggiungere livelli record. A darne notizia è la Reuters in un lungo articolo. I rincari sarebbero dovuti alla diminuzione delle importazioni, che costituiscono la maggior parte dell’offerta del Paese. Un fenomeno che ha innescato l’aumento dei prezzi del cibo, compreso il pollo allevato biologicamente.

I costosi semi di soia e i prodotti biologici più costosi stanno alimentando l’inflazione alimentare. Questo avviene in un momento in cui i consumatori sono desiderosi di mangiare meglio e di concentrarsi sulla salute durante la pandemia di Covid-19. Il settore degli alimenti biologici da 56 miliardi di dollari è anche alle prese con una carenza di container e un mercato del lavoro ristretto poiché i prezzi alimentari globali hanno raggiunto il massimo da dieci anni.

I rincari colpiscono il settore del pollame

Le aziende alimentari e i produttori di polli stanno sperimentando uno shock maggiore dei prezzi per i semi di soia biologici, che vengono spediti in container, rispetto ai raccolti convenzionali spediti con altre modalità. I prezzi della soia non biologica sono ai massimi storici degli ultimi sette anni.

I produttori di polli biologici stanno tagliando le spese aziendali per compensare i costi elevati dei mangimi e cercando di procurarsi colture prodotte negli Stati Uniti piuttosto che all’estero. Gli Stati Uniti importano circa il 70% della loro soia biologica, secondo le stime del settore. La produzione biologica degli Stati Uniti non è aumentata abbastanza per tenere il passo con la crescente domanda.

Bell & Evans produce carne di pollo in Pennsylvania da 127 anni. Nutre con mangime biologico da 500.000 a 600.000 polli ogni settimana e deve competere per la soia con altri acquirenti che in precedenza si affidavano alle importazioni. La società ha aumentato tutti i prezzi del pollo a luglio e probabilmente dovrà aumentarli nuovamente. “Siamo nel momento più difficile da quando è partito il settore del biologico”, ha detto il proprietario Scott Sechler. “Ora è un manicomio.”

Diminuiscono le importazioni di soia

Le importazioni statunitensi di soia biologica da settembre 2020 ad agosto 2021 sono diminuite del 18% a circa 240.585 tonnellate, secondo i dati del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti. Le spedizioni sono diminuite del 30% dall’Argentina, il più grande fornitore degli Stati Uniti.

Le importazioni dall’India sono diminuite del 34%. Un calo ulteriore rispetto a quello avviato da quando gli Stati Uniti a gennaio hanno inasprito i requisiti per certificare le colture indiane come biologiche.

Mentre gli Usa sono il secondo esportatore mondiale di semi di soia convenzionali, gli agricoltori sono stati più lenti ad abbracciare i prodotti biologici. Scoraggiati dal forte investimento iniziale e dai lunghi tempi di conversione per ottenere la certificazione biologica. Ora, con i profitti da trarre dall’agricoltura convenzionale in mezzo a scarse forniture globali di soia, alcuni coltivatori hanno affermato che il passaggio al biologico non vale la spesa extra e il lavoro extra. “Non c’è abbastanza in America per sostituire la quantità di cereali organici importati”, ha detto Sechler.

Foto: Pixabay