Home Attualità Cereali, soia e lenticchie, le previsioni per la produzione globale nel 2023-’24

Cereali, soia e lenticchie, le previsioni per la produzione globale nel 2023-’24

610
0

L’Indice IGC Grains and Oilseeds (GOI) di fine agosto è sceso al minimo degli ultimi due mesi. Ecco le previsioni per la produzione globale di cereali, soia e lenticchie nel 2023/24.

Le ultime proiezioni della produzione globale di cereali nel 2023/24 mostrano una leggera riduzione mese dopo mese, con un totale di 2.294 milioni di tonnellate. Questa cifra include anche una revisione al ribasso per l’orzo e l’avena. Tra i principali produttori le stime di Canada, Unione Europea e Cina sono diminuite, in parte compensate da un aumento delle stime dell’Ucraina, Paese in cui le prospettive di resa sono migliorate. L’uso globale è previsto in aumento di 1 milione di tonnellate rispetto al mese precedente grazie a modesti aumenti nell’uso per l’alimentazione e l’industria. Con scorte rafforzate da un maggior carico iniziale, la previsione delle scorte finali (aggregate dei rispettivi anni di commercializzazione locali) aumenta di 3 milioni di tonnellate, arrivando a 584 milioni, ma rimane comunque al minimo degli ultimi nove anni. Principalmente a causa di un aumento delle stime per il mais, il commercio mondiale è previsto in crescita di 3 milioni di tonnellate rispetto alle stime precedenti.

L’Indice IGC Grains and Oilseeds (GOI) di fine agosto è sceso al minimo degli ultimi due mesi. Mentre i prezzi medi delle esportazioni di cereali e semi oleosi sono in gran parte diminuiti e sono molto al di sotto dei livelli dell’anno precedente, il riso ha continuato a rafforzarsi, registrando un aumento per il sesto mese consecutivo.

Scorte di soia in aumento, produzione leggermente ridotta

Riflettendo un dato più basso per l’uso totale, le scorte finali di soia nel 2022/23 sono previste in aumento di 2 milioni di tonnellate, raggiungendo circa 54 milioni di tonnellate. Prospettive leggermente ridotte per gli Stati Uniti e il Canada abbassano la previsione di produzione mondiale per il 2023/24 di 2 milioni di tonnellate al mese. Con il consumo previsto invariato, le scorte dovrebbero accumularsi notevolmente. Con un aumento delle importazioni in Cina che compensa le riduzioni altrove, il commercio è previsto in aumento di 1 milione di tonnellate al mese, raggiungendo un massimo storico di 171 milioni (+2%).

Riduzione delle esportazioni di riso a causa del divieto indiano

A causa del divieto imposto sulle esportazioni di riso bianco indiano, le previsioni per il commercio nel 2023 (gennaio/dicembre) sono state ridotte di 2 milioni di tonnellate rispetto alle stime precedenti. Principalmente legato a una previsione ridotta per la produzione in India, la proiezione di produzione globale di riso del Consiglio per il 2023/24 è stata ridotta di 4 milioni di tonnellate al mese, con conseguenti riduzioni per il consumo e le scorte. Con le restrizioni alle esportazioni indiane destinate a continuare per il futuro prevedibile, il commercio nel 2024 è previsto circa 4 milioni di tonnellate più basso rispetto a luglio.

Andamento del mercato globale

A causa delle perdite registrate nei cereali e nei semi oleosi, l’Indice IGC Grains and Oilseeds (GOI) è sceso del 4%, ma il lato negativo è stato leggermente mitigato dai solidi guadagni nel riso.

Prospettive per la produzione di cereali e soia

La produzione mondiale di cereali è prevista essere la seconda più grande mai registrata, con un aumento del 1% anno su anno, raggiungendo 2.294 milioni di tonnellate. Dopo una diminuzione nella stagione precedente, il consumo è destinato a riprendersi del 2%, trainato dall’alimentazione, ma con guadagni in tutte le componenti della domanda. A 584 milioni di tonnellate, il carico di cereali è previsto al minimo dal 2014/15, registrando un settimo calo consecutivo anno su anno. Da notare è un previsto netto irrigidimento delle scorte di frumento e un minimo di 28 stagioni per le scorte d’orzo. Al contrario le scorte di mais aumenteranno, con un accumulo negli Stati Uniti. Con flussi previsti più ridotti verso Europa, Americhe e Asia del Vicino Oriente, il commercio globale potrebbe diminuire del 4%, arrivando a 411 milioni di tonnellate.

Inventario di soia in aumento, commercio in crescita

A causa dell’espansione della produzione di soia di fronte a un secondo calo consecutivo nell’uso totale, le scorte globali di soia sono previste in aumento di circa un quinto anno su anno nel 2022/23. Derivante dagli acquisti massicci di Cina e Argentina, il commercio è previsto in aumento del 8% anno su anno. Principalmente basata sull’aumento della produzione sudamericana, la produzione mondiale per il 2023/24 è prevista più grande di circa 30 milioni di tonnellate anno su anno, raggiungendo un picco, con un aumento consistente anche del consumo e delle scorte. A 171 milioni di tonnellate, la domanda globale di importazioni è prevista in aumento del 2% anno su anno.

Scorte di riso in contrazione, commercio in calo

Con le scorte globali di riso previste in contrazione del 7 milioni di tonnellate anno su anno nel 2022/23 a causa dell’aumento del consumo, la produzione mondiale per il 2023/24 è prevista in aumento del 2% anno su anno, raggiungendo un nuovo picco. Sebbene il consumo sia previsto leggermente superiore anno su anno, il potenziale per un aumento delle riserve sarà limitato da un carico iniziale più piccolo. Il commercio è previsto in calo per il secondo anno consecutivo nel 2024 (-2%) a causa della domanda più debole da parte degli acquirenti in Africa e Asia, legata a un’estensione del divieto sulle spedizioni di riso bianco indiano.

Produzione di lenticchie in contrazione

Dopo l’incremento significativo dell’anno precedente, la produzione mondiale di lenticchie è prevista in contrazione del 6% anno su anno nel 2023/24, inclusi raccolti più piccoli in Canada e Australia. Con un consumo probabile in calo, le scorte sono previste stabili, a 1,5 milioni di tonnellate. Il commercio globale nel 2024 è previsto in calo del 12% anno su anno a causa della domanda più debole da parte dell’Asia, con conseguenti diminuzioni delle spedizioni da parte di Australia e Canada.