Home Attualità Piano Nazionale Integrato, Lorenzin: azioni più incisive e più trasparenti

Piano Nazionale Integrato, Lorenzin: azioni più incisive e più trasparenti

667
0

Azioni più incisive e più trasparenti che riescano a conciliare le richieste delle imprese, che spesso si lamentano dei troppi controlli, con quelle dei consumatori, che chiedono alimenti sicuri e di qualità. E’ questo il futuro auspicato dal ministro della Salute Beatrice Lorenzin per il Piano Nazionale Integrato (PNI o MANCP), lo strumento che descrive l’organizzazione e la struttura dei controlli ufficiali in tema di alimenti e mangimi, sia per quanto riguarda la loro sicurezza sia per la loro qualità, la salute e il benessere degli animali, la salute delle piante, le zoonosi nell’uomo e la tutela dell’ambiente.

 

Lorenzin ne ha parlato durante la conferenza stampa del 18 luglio Sicurezza dai campi alla tavola, durante la quale ha presentato i risultati dei controlli effettuati in Italia per tutelare la salute pubblica nel settore alimentare. Il ministro ha anche ricordato che l’Italia può vantarsi di “una storica attenzione alla sicurezza degli alimenti”. Attualmente il punto di contatto nazionale per il PNI è il Dipartimento della sanità pubblica veterinaria, della sicurezza alimentare e degli organi collegiali per la tutela della salute del Ministero della Salute. “Ho già dato indicazioni alla competente Direzione generale per l’igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione di farsi carico, già dall’inizio del prossimo mese di settembre, di organizzare delle riunioni tecniche affinché il rafforzato spirito di collaborazione tra le Amministrazioni centrali possa trovare una più efficace applicazione a livello regionale – ha comunicato il ministro – In tal modo i Piani regionali dovranno veramente essere l’espressione di una proficua collaborazione tra i diversi soggetti ed Istituzioni che effettuano i controlli, al fine di rendere più efficace ed efficiente il ‘Sistema Italia’”.

 

La relazione consuntiva del Piano nazionale integrato relativo al 2012 è disponibile sul portale del Ministero della Salute.

Silvia Soligon