Home Ricerca Fao lancia una banca dati globale sull’utilizzo del suolo

Fao lancia una banca dati globale sull’utilizzo del suolo

867
0

Una nuova banca dati della Fao raccoglie in un unico database centralizzato informazioni globali sulla copertura del suolo, tra le quali dati su quanta terra è coperta da campi coltivati, quanta da alberi e foreste, quanti suoli non sono coltivati. Si tratta di informazioni disperse e non armonizzate perché l’identificazione, la misurazione e la registrazione dei dati erano fatti dai vari paesi e dalle varie organizzazioni in modi diversi.

 

Per il nuovo database “Global Land Cover SHARE” della FAO (GLC – SHARE) i dati estratti da più fonti e partner sono stati controllati e armonizzati usando definizioni e norme accettate a livello internazionale, risultando in una miniera di informazioni consolidate raccolte a livello nazionale che abbracciano l’intero pianeta. Tra le applicazioni del nuovo database GLC -share vi sono il monitoraggio delle tendenze di copertura del suolo a livello mondiale, la valutazione dell’idoneità dei terreni a seconda dei vari usi e dell’impatto del cambiamento climatico sulla produzione alimentare, e la pianificazione territoriale.

 

“Un buona comprensione della copertura del suolo del nostro pianeta è essenziale per promuovere una gestione sostenibile delle risorse del territorio – per esempio una produzione agricola in grado di nutrire una popolazione in crescita – che faccia un uso efficiente delle risorse naturali sempre più scarse e salvaguardi l’ambiente”, ha dichiarato John Latham , della Divisione FAO Territorio e Risorse idriche. “Questo aggiornamento per la nostra comprensione della copertura del suolo della Terra arriva in un momento cruciale”, ha aggiunto. “Sarà uno strumento prezioso per valutare la sostenibilità dell’agricoltura, e per sostenere, basandosi sui fatti, uno sviluppo rurale sostenibile e politiche di uso del suolo che contribuiscano alla riduzione della povertà, consentendo sistemi agricoli e alimentari inclusivi ed efficienti e aumentando la resilienza dei mezzi di sussistenza. GLC- SHARE aiuterà anche a capire quanto i cambiamenti climatici e la variabilità del clima incidono sulle principali risorse naturali e sulla produzione di cibo”.

 

L’aumento della popolazione mondiale e la crescente domanda di cibo pongono grandi sfide all’agricoltura, che negli anni a venire dovrà produrre più cibo usando meno risorse naturali e allo stesso tempo far fronte al cambiamento climatico. La Fao stima che la produzione alimentare mondiale dovrà aumentare del 60% entro il 2050, per la maggior parte in terreni già coltivati​. Il nuovo database della Fao comprende undici strati di copertura globale della terra: superfici artificiali (che coprono lo 0,6% della superficie terrestre) suoli non coltivati (15,2%) terreni coltivati (12,6%) prati e pascoli (13%) vegetazione erbacea (1,3%) acque interne (2,6%) mangrovie (0,1%) aree coperte da arbusti (9,5%) neve e ghiacciai (9,7%) vegetazione rada (7,7%) zone alberate (27,7%).

 

Foto: Pixabay

Redazione